Economia
Commenta

Nutrie, più poteri agli enti locali
Ma Piloni: "Risorse insufficienti"

La commissione Agricoltura del consiglio regionale lombardo approva un progetto di legge per incrementare le azioni di contrasto contro i roditori che infestano le campagne lombarde. Ma secondo il consigliere regionale cremasco, "senza adeguati stanziamenti questa situazione non si risolverà mai"

Più poteri agli enti locali e un ampliamento delle modalità operative e degli strumenti per la caccia e la cattura delle nutrie, i grossi roditori che infestano le campagne lombarde causando gravi danni alle coltivazioni. Lo prevede un progetto di legge approvato giovedì 28 ottobre dalla commissione Agricoltura del consiglio regionale, con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza. Come evidenzia una nota del consiglio regionale, con questa legge vengono ridefinite le competenze di ogni singolo livello istituzionale a partire dai comuni, che vengono considerati “competenti alla gestione delle problematiche relative al sovrappopolamento delle nutrie” e possono utilizzare “tutti gli strumenti sinora impiegati per le specie nocive”.

La norma precisa inoltre che le Province possono essere commissariate dalla Giunta regionale “qualora non adempiano all’obbligo di attuare il programma regionale”. Le Province dovranno istituire il tavolo provinciale di coordinamento con Prefetture, Comuni, associazioni agricole, associazioni venatorie, consorzi di bonifica e altri soggetti interessati, per monitorare annualmente gli obiettivi di eradicazione, mentre per il supporto all’attività di controllo le amministrazioni comunali possono stipulare convenzioni con associazioni venatorie, ambiti territoriali di accia e comprensori alpini. L’attuazione dei piani di controllo è ritenuta un servizio di pubblica utilità.

Un’altra regola riguarda la possibilità per le Province di autorizzare all’abbattimento diretto degli animali la polizia municipale e provinciale, gli agenti venatori volontari, le guardie giurate, gli operatori della vigilanza idraulica, gli operatori dei consorzi irrigui, gli incaricati delle ditte “pest control”, i cacciatori e i proprietari o conduttori e i loro familiari dei fondi agricoli. Viene stabilito inoltre che l’eradicazione delle nutrie avvenga in ogni periodo dell’anno su tutto il territorio regionale, compreso quello vietato dalla caccia, ed è previsto per il 2021 uno stanziamento di 500mila euro. L’approvazione finale verrà calendarizzata in una delle prossime sedute consiliari.

Ma da Matteo Piloni, consigliere regionale cremasco e referente dem in consiglio per le politiche agricole, “dopo aver approvato il famoso piano triennale con sette mesi di ritardo, oggi la Regione Lombardia approva l’ennesima modifica che contiene già molte delle direttive inserite nel piano stesso e che cerca, con qualche aggiustamento normativo ma con risorse ridicole, di risolvere una questione che senza adeguati stanziamenti non si risolverà mai. Secondo gli esperti del settore – spiega Piloni – servirebbero, nel triennio, almeno 10 milioni di euro, come è stato fatto qualche anno fa per la lotta al lotta al randagismo, quando è stato istituito un fondo nazionale: con 500mila euro, la stessa somma che avevamo ottenuto a luglio in sede di assestamento al bilancio, non si va proprio da nessuna parte”.

© Riproduzione riservata
Commenti