Cronaca
Commenta

Ambiente: il direttore FAO
incontra studenti della Cattolica

Il 4 novembre al campus di Cremona si terrà la Lectio Magistralis del Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO). Presenti anche Maurizio Martina, Vicedirettore Generale della FAO e l’Amb. Giorgio Marrapodi, Direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

In concomitanza con la COP 26, giovedì 4 novembre, dalle ore 11.30, presso il Campus Santa Monica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Cremona, il Dr. Qu Dongyu, Direttore Generale della FAO terrà (in collegamento da remoto) una Lectio magistralis sul tema della sfida della sostenibilità dei sistemi alimentari dopo la crisi COVID.

Saranno presenti all’evento Maurizio Martina, Vicedirettore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura – FAO e l’Amb. Giorgio Marrapodi, Direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

La lectio, cui farà seguito il dialogo con gli studenti, si soffermerà sui 4 pilastri della sostenibilità (profitability, environmental health, and social and economic equity) indispensabili per sostenere i quattro pilastri della sicurezza alimentare: disponibilità, accesso, utilizzo e stabilità.

La giornata, organizzata dall’Università Cattolica con FAO, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale-MAECI e Comune di Cremona, si inserisce nel programma dell’iniziativa #InsiemepergliSDG, la campagna promossa dallo stesso Ministero in occasione delle celebrazioni italiane della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, insieme ai suoi partner FAO, Commissione Europea, SDG Action Campaign delle Nazioni Unite, CIHEAM Iamb di Bari e Save the Children, e con Cremona per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (gli SDG) e sul lavoro della Cooperazione Italiana e dei suoi partner per il raggiungimento di tali obiettivi nel mondo post – Covid19.

© Riproduzione riservata
Commenti