Cronaca
Commenta

Da Consiglio dei ministri
via libera a super green pass

Il Consiglio dei ministri, ha dato il via libera al decreto che rafforza le misure anti Covid con il Super Green pass. Il provvedimento è stato varato all’unanimità, e per il momento sarà valido dal 6 dicembre al 15 gennaio, ma le misure potranno essere poi prorogate.

Come riporta l’Ansa, la linea emersa è quella della massima prudenza sulle misure per contenere il contagio, massima attenzione all’economia limitando al massimo la chiusura delle attività economiche. Si tratta di una stretta che va a colpire i non vaccinati.

L’obiettivo è prevenire, sfruttando il vantaggio che il nostro Paese già possiede rispetto ad altri, evitando peggioramenti, anche alla luce del peggioramento della curva dei positivi.

Intervenire subito e prepararsi per tempo al Natale ha inoltre l’obiettivo – spiegano ancora dal Governo – di consentire alle attività economiche di programmare i prossimi mesi, senza temere interruzioni che avrebbero un impatto economico sulla ripresa: di qui la scelta di eliminare le chiusure anche in zona gialla o arancione e porre limitazioni solo per i non vaccinati.

Il super green pass dovrebbe valere in zona bianca solo per il periodo delle feste natalizie e dunque circa un mese a partire dal 6 dicembre. La data, riferisce ancora l’Ansa, non è tuttavia, ancora decisa: dipenderà dall’andamento della curva epidemiologica e sarà oggetto di discussione in Consiglio dei ministri. In zona gialla e arancione, invece, dovrebbe rimanere anche oltre la fine delle festività.

LE MISURE – Il “super” Green pass, valido solo per chi sia vaccinato o guarito dal Covid, dovrebbe entrare in vigore già dalla zona bianca. Non scatteranno più le chiusure delle attività nelle regioni in zona gialla o arancione, ma gli accessi saranno limitati ai soli possessori del Super Green pass, quindi i non vaccinati saranno limitati nell’accesso al bar, ristorante o in palestra e avranno limitazioni anche negli spostamenti. Non cambieranno le regole in zona rossa, quindi le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, anche se vaccinati.

Dal 6 dicembre, quindi, il tampone sarà valido solo per andare al lavoro, per i servizi essenziali o per gli spostamenti a lunga percorrenza, per il resto varrà il Super Green pass anche in zona bianca. Tra le misure anche la riduzione dell’efficacia del Green pass da 12 a 9 mesi.

L’obbligo di vaccino scatterà anche per gli insegnanti e le forze dell’ordine, mentre sarà confermato per personale sanitario e delle rsa, con estensione alla terza dose.

Grandi novità anche per quanto riguarda i trasporti pubblici: con il nuovo decreto scatta l’obbligo di green pass — e non super green pass — anche per accedere ai mezzi del trasporto pubblico locale, come tram, metro, bus e treni regionali. Vuol dire che bisognerà avere un tampone negativo per salire a bordo.

© Riproduzione riservata
Commenti