Spettacolo
Commenta

Al Ponchielli arriva
"La fanciulla del West"

Un titolo tra i più preziosi del repertorio italiano: La Fanciulla del West, opera composta da Giacomo Puccini nel 1910 per il Metropolitan di New York, diretta in quell’occasione da Arturo Toscanini e accolta con un successo clamoroso dal pubblico, andrà in scena il 21 e 23 gennaio al Teatro Ponchielli. La direzione è affidata al talentuoso Valerio Galli, mentre la regia è curata da Andrea Cigni.

Durante un soggiorno a New York nel 1907, a Puccini accadde di assistere a un dramma di David Belasco, dal titolo The girl of the golden West, rimanendone oltremodo colpito. Ottenuto dall’autore il necessario consenso, incaricò il poeta Carlo Zangarini, a cui subentrò in un secondo tempo lo scrittore toscano Guelfo Civinini, di stendere il libretto: nacque così La Fanciulla del West, che debuttò nel 1910 al Metropolitan di New York.

L’allestimento, per la regia di Andrea Cigni, “ci porterà in una microsocietà fatta di uomini, costretti a vivere una condizione professionale e sociale di isolamento, di frustrazione, dove però si racconta di un amore a lieto fine”. A dirigere Valerio Galli, grande esperto del repertorio pucciniano.

© Riproduzione riservata
Commenti