Cronaca
Commenta

Infermieri in sciopero, Marsella:
"Per noi poche possibilità di carriera"

Foto di repertorio

“Non vogliamo creare disagio ai cittadini più di quello che già stanno vivendo, quindi chi di noi può si ferma e sciopera mentre gli altri garantiranno i servizi essenziali, come abbiamo sempre fatto. Vogliamo però far sapere che gli infermieri sono una risorsa fondamentale per tutti i sistemi sanitari del mondo, ma evidentemente non per il nostro Governo e le nostre Regioni”.

Con queste parole, sulla pagina Facebook di NurSind Cremona-Crema, gli aderenti allo sciopero spiegano le ragioni della mobilitazione proclamata per oggi dalla segreteria nazionale del sindacato delle professioni infermieristiche.

Il malcontento in realtà non riguarda soltanto gli infermieri che hanno partecipato allo sciopero ma più in generale la categoria, che dopo aver affrontato la pandemia con professionalità e impegno, non trovano il giusto riconoscimento contrattuale ed economico come spiega Enrico Marsella, Presidente dell’Ordine Professioni Infermieristiche di Cremona.

“Un infermiere neolaureato neoassunto -aggiunge Marsella- non ha prospettive di sviluppo carriera, questo rende la professione meno appetibile con il rischio che sempre meno giovani scelgano di intraprenderla. L’unica soluzione è investire”.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti