Cronaca
Commenta

Un cremonese tra i vincitori del
concorso fotografico nazionale

Con  la foto “Martino con preda”, il cremonese Fulvio Sudati, di Pieve d’Olmi, si è classificato secondo al concorso nazionale del 3° concorso fotografico nazionale “Obiettivo Acqua”. Le premiazioni si sono svolte a Roma in occasione della Giornata Mondiale delle Aree Umide. Di Marano Vicentino è il vincitore, Pietro Munari, con la fotografia  di una formica che si disseta da una goccia d’acqua (titolo: “Darla a bere”). E’ l’immagine scelta da ANBI, Coldiretti e Fondazione Univerde in questa edizione del contest. Sia a Munari che a Sudati che al terzo classificato, il lombardo Maurizio Portone, è andata una targa e un premio in denaro.

Le menzioni di categoria sono andate al milanese Pasquale Costagliola (“Acqua è…città”), al novarese Mario Motta (“Acqua è…paesaggio”), al livornese Nicola Casarosa (“Cambiamenti climatici: difendere l’acqua, difendersi dall’acqua”); la menzione speciale FIAB (Federazione Italiana Ambiente Bicicletta) è stata assegnata al romano Massimiliano Rolando (“A due ruote lungo l’argine”), mentre quella della Fondazione Campagna Amica è stata attribuita al vercellese Francesco Gardini (“Il cibo è irriguo”).

“I Consorzi di bonifica”, ha dichiarato Francesco Vincenzi, presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) – curano centinaia di aree umide ed oasi naturalistiche lungo tutta la Penisola. Il Concorso Fotografico Obiettivo Acqua ha lo scopo di contribuire a ricucire il rapporto fra uomo e risorse idriche, valorizzandone la gestione. E’ un tassello del nostro impegno per un diverso modello di sviluppo, che abbia al centro il territorio nelle sue varie espressioni”.

La foto prima classificata

© Riproduzione riservata
Commenti