Cronaca
Commenta

Siccità Po: massimo storico in
molte province, Cremona -7,24

Le portate del fiume Po hanno raggiunto i suoi minimi storici degli ultimi 30 anni in numerose zone lungo l’asta. A lanciare l’allarme è l’Autorità Distrettuale del Fiume Po. E sebbene in provincia di Cremona la situazione non sia ancora così critica, con l’idrometro che segna -7,24 metri sotto lo zero idrometrico (il record massimo è a -7,77, nel 2006), con una portata di 416 mc/s, in altri territori il record negativo è ormai una realtà.

La situazione idrologica peggiore di siccità estrema si segnala a Piacenza, dove gli indicatori si fermano a quota –0,49 metri per 293 mc/s, stesso contesto condiviso con Pontelagoscuro (Ferrara) a quota –5,88 metri per 639 mc/s (sotto la prima soglia limite fissata a 650 mc/s). Minimi storici del periodo (con situazione di siccità severa) toccati anche a Boretto (Reggio Emilia) –3,25 metri per 452 mc/s; e a Borgoforte (Mantova) –2,57 metri per 567 mc/s.

E se i Grandi Laghi si mantengono anch’essi quasi tutti sotto quota (tranne il Garda), poco ottimistiche sono anche le previsioni metereologiche che (come emerge chiaramente dalla tabella previsionale allegata), non offrono sufficienti garanzie di precipitazioni in grado di coprire il gap di fabbisogno che si è creato nel corso di questo inverno anomalo, oltremodo secco e siccitoso.

“Sarà importante vedere – ha commentato il Segretario Generale di ADBPo-MiTE Meuccio Berselli – se, anche in concomitanza della prossima riunione dell’Osservatorio istituzionale che si terrà giovedì 17 Marzo 2022, si manterranno questi indicatori negativi, per comprendere quale tipo di soluzione concertata tra territori si potrà individuare per affrontare in modo resiliente la stagione”.

© Riproduzione riservata
Commenti