Cronaca
Commenta

Ciclabile in via Sesto, approvato
progetto fattibilità: costerà 1.7 milioni

Il tratto di ciclabile già realizzato in via Sesto

E’ pronto lo studio di fattibilità per prolungare la pista ciclabile di via Sesto fino al limite del territorio comunale di Cremona, circa 700 metri tra l’incrocio con via Ferraroni e Casanova del Morbasco.
Un intervento oneroso, preventivato in poco meno di 1 milione e 700 mila euro: il progetto di fattibilità approvato ieri dalla Giunta infatti è finalizzato alla ricerca di fonti di finanziamento.
La carreggiata stradale sarà allargata e la ciclabile, bidirezionale e larga 4 metri, correrà contigua a un marciapiede.

Il progetto comprende anche l’allargamento della sede stradale di via Sesto, e costituisce uno dei tratti mancanti della pista ciclabile n. 3 del Biciplan cittadino.

Lo scopo dell’intervento è quello di garantire la sicurezza della circolazione in una strada particolarmente trafficata in quanto spesso utilizzata dalle auto in alternativa a via Castelleone.

Da una rilevazione dei flussi di traffico effettuata tra il 12 e il 18 gennaio 2017 in giorni feriali era emerso il transito, tra le 7 e le 8 di mattina di 260 veicoli verso Cremona e 54 verso Casanova; tra le 17 e le 18 invece erano stati 130 i veicoli diretti verso il centro e 192 quelli in direzione opposta.
Nell’arco di 24 ore si sono registrati poco meno di 2000 passaggi per ciascuna direzione.
Altro criterio alla base della scelta di procedere con il prolungamento della ciclabile, è il numero di incidenti: 11 nel 2014, 25 nel 2015, 11 nel 2016, 19 nel 2017, 15 nel 2018.
Il progetto prevede l’espropriazione di terreni posti a nord della sede stradale con creazione di nuovi fossi di scolo e una nuova linea di illuminazione sia a servizio della ciclabile che della strada; inoltre verranno interrate le reti elettriche e telefoniche.

Il cronoprogramma prevede la redazione del progetto esecutivo nel giro dei prossimi tre mesi e la realizzazione dell’opera, con collaudo finale, entro 420 giorni. gbiagi

© Riproduzione riservata
Commenti