Ambiente
Commenta

Verde pubblico, nasce la Consulta
Ecco chi ne farà parte

Sarà una maxi consulta, visto che sarà composta da una trentina di membri, quella che collaborerà con l’amministrazione comunale per le questioni del verde cittadino. Un tema che lo scorso anno aveva causato una serie di malumori per via del drastico taglio di alberi in vari quartieri. Come annunciato tempo fa dall’ex assessore Rodolfo Bona, ora sostituito da Luca Zanacchi, la Giunta comunale ha dato il via libera ai criteri per la costituzione dell’organismo consultivo che dovrà collaborare nelle progettualità inerenti il verde pubblico cittadino, inteso quale “importante servizio ecosistemico, oltre che di ausilio nel contrasto agli effetti dei cambiamenti climatici e di valorizzazione del sistema storico-paesaggistico”.
La Consulta si porrà come “raccordo tra le sensibilità dei cittadini e le nuove prospettive legate alla Pianificazione del Verde comunale che  ‘Amministrazione metterà in atto”; dovrà “concordare e collaborare nei progetti educativi e di sensibilizzazione riguardante l’urban forestry, implementando attività orientate alla divulgazione e alla conoscenza dei servizi ecosistemici del verde urbano” e “accompagnare l’Amministrazione nella redazione del Piano Comunale del Verde e nelle fasi della sua attuazione, compresa la stesura del Regolamento Comunale del Verde”.

La composizione è stata individuata mediante delibera nella scorsa seduta della Giunta. La Consulta sarà presieduta dall’assessore al Verde in carica; ne faranno parte presidenti e vicepresidenti di tre commissioni consigliari (Promozione della Città; ambiente; Territorio); cinque tra dirigenti e funzionari del Comune; il presidente della Commissione Paesaggio (attualmente Maurizio Ori), i rappresentanti dei quartieri e quelli di diverse associazioni ambientaliste cittadine; i rappresentanti degli ordini professionali di Agronomi, Architetti, Periti Agrari; Agrotecnici; un rappresentante di Aem, a cui il Comune ha delegato la gestione operativa del Verde pubblico; un rappresentante del consorzio di Bonifica Dugali.

Ora quindi i vari enti dovranno indicare un loro nominativo. La durata in carica degli Assessori Comunali e dei designati per il Comune e per la Provincia, corrisponde al mandato amministrativo in corso, mentre tutti gli altri membri resteranno in carica finché non verrà formalizzata la relativa sostituzione. Le riunioni saranno convocate in seduta aperta, concedendo diritto di parola ai soli membri ed invitati. gbiagi

© Riproduzione riservata
Commenti