Spettacolo
Commenta

Applausi per "Monster Chef",
spettacolo all'Einaudi

Le divertenti battute di “Monster chef”, una scenetta in cui i clienti se la prendono con lo staff di un ristorante a causa del servizio scadente, hanno fatto il pieno di applausi e di risate, durante il saggio, che ha concluso il laboratorio teatrale dell’IIS “L. Einaudi”. A tenerlo è stato Federico Benna, che, oltre ad essere uno stimato prof. di Economia aziendale, è da sempre un attore apprezzatissimo. Presso la palestra della succursale di via Borghetto, una quindicina di studenti di terza e quarta sociosanitario hanno mostrato ai compagni, agli insegnanti ed alla preside Nicoletta Ferrari quanto appreso, negli ultimi cinque mesi, nel corso degli incontri settimanali di un’ora e mezza. Benna spiega:

“Sicuramente il teatro possiede una grande valenza educativa, perché riesce a favorire l’inclusione, a far emergere talenti e superare barriere. Nelle lezioni, abbiamo lavorato sull’uso della voce, sulla mimica, sulla gestualità e sull’interpretazione, principalmente attraverso dei giochi. L’esperienza si è chiusa con tanto entusiasmo e con il proposito, approvato dalla dirigente Ferrari, di riprendere l’attività e di potenziarla”. Uno dei momenti più esilaranti ed intensi si è avuto quando lo stizzoso regista ha preteso che gli attori recitassero la loro parte, ciascuno nella propria lingua o nel proprio vernacolo.

Ne è nato un mosaico linguistico, con battute in italiano, rumeno, albanese, arabo, dialetti cremonese, bresciano, napoletano e siciliano, per sottolineare la ricchezza insita nelle diversità. Dal canto suo, Federico Benna, tra la correzione di una verifica e l’adempimento di un impegno scolastico, sta portando in giro due monologhi: uno comico intitolato “Scimmie di mare” ed uno serio, tratto dal romanzo “Spaccato in due” di Gianluca Firetti e don Marco D’Agostino.

Quest’ultimo è dedicato alla storia di Gianluca, un ventenne che ha lottato per due anni contro un sarcoma osseo e che è morto nel 2015, pochi giorni prima della pubblicazione del suo libro, contenente un potente messaggio di speranza. Col gruppo “Spazio Mythos”, Benna è invece in scena con “La Carne del Paradiso”, una lettura del protovangelo di Giacomo, arricchito dalle canzoni dal vivo de “La buona novella” di Fabrizio De André. Prossima data sabato 14 maggio, alle ore 21, nella Chiesa di Castelverde.

© Riproduzione riservata
Commenti