Cronaca
Commenta

Trasporto pubblico, biglietti in
aumento anche sul Cremonese

I biglietti dell’autobus saranno più cari anche a Cremona. L’Agenzia del Tpl Cremona-Mantova – come conferma il direttore Massimo Dell’Acqua – ha applicato la delibera regionale che prevede che le tariffe debbano “essere adeguate annualmente in base al tasso di inflazione definito dalla Regione, corretto in funzione di indicatori di qualità definiti dalle Agenzie”.

Tradotto – confermano anche dall’amministrazione comunale – dovrebbe voler dire un aumento dell’ 8% l’equivalente dell’inflazione di quest’anno e dell’anno precedente.  Si annuncia quindi un autunno complicato, perché al caro energia e al costo delle materie prime e del carrello della spesa si sommerà anche quello dei trasporti, che pure avrebbero dovuto essere incentivati.

I rincari scatteranno dal primo settembre, dunque verosimilmente con il rientro sui banchi di scuola e dalle vacanze, e la modalità di applicazione saranno i gestori a doverla decidere. Spetterà dunque ad Arriva Italia – che ha in gestione il servizio di trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano di Cremona – in accordo con il Tpl stesso a stabilire a breve se gli aumenti interesseranno tutti gli abbonamenti, soltanto i biglietti occasionali o entrambi.

Per ora su quest’ultimo punto non c’è ancora certezza, anche se da arriva anticipano che è probabile un aumento su tutte le tipologie di biglietti, inclusi anche gli abbonamenti. Bisognerà attendere ulteriori precisazioni, di fatto sono misure che non mancheranno di essere contestate.

Michela Cotelli

© Riproduzione riservata
Commenti