Cronaca
Commenta

Restyling arredo urbano, si parte
con la posa delle torri metalliche

Il restyling delle porte d’ingresso alla città e del centro nell’ambito del progetto “Un Salotto per Cremona”, entra nel vivo con l’approvazione da parte del Comune del progetto esecutivo di arredo urbano redatto dall’architetto Stefano Corbari e da un gruppo di collaboratori specializzati in vari ambiti. Contestualmente è stata affidata alla ditta Tedeschi di Cremona una prima tranche di lavori per il trasporto e la posa delle “torri” metalliche nelle quattro porte d’ingresso alla città: Piazza Cadorna, Porta Venezia, Porta Milano, Porta Romana. I lavori sono ormai imminenti: nell’aiuola centrale di piazza Cadorna è stato transennato il quadrilatero dove verrà installato il totem metallico su cui campeggerà la scritta Cremona Porta Po. La struttura sarà formata da tre montanti di altezze diverse, con la peculiarità che quello più alto sarà esattamente pari a un decimo dell’altezza del Torrazzo, 11.22 metri.
Ciascuna piazza sarà identificata con un diverso colore: blu per porta Milano,  giallo per porta Venezia, grigio per porta Romana e rosso per porta Po, ossia i colori degli stemmi che anticamente connotavano i quattro ingressi cittadini, stemmi ancora oggi visibili a lato dello scalone principale di palazzo Comunale.

Il progetto esecutivo entra nel dettaglio dei primi lavori che verranno eseguiti per valorizzare i percorsi storici e commerciali cittadini, in base alle risorse rese disponibili dal Comune (il progetto è stato cofinanziato da Regione Lombardia). I primi due lotti sono relativi alla realizzazione del tema “Torri Minori” da collocare appunto alle porte della città. Si partirà quindi dalle opere di scavo e formazione di fondazioni per la posa delle torri metalliche, alla collocazione e all’installazione degli striscioni con la scritta “Cremona”.

Seguiranno poi la fornitura e posa degli stendardi 50X80 in pvc leggero da collocare lungo le maggiori vie di percorrenza dei quartieri cittadini; quindi si metterà mano alle gallerie Kennedy e Del Corso con le tinteggiature di pareti e soffitti secondo schemi cromatici contestualizzati ai luoghi. In Galleria del Corso verranno installati totem informativi, mentre in Galleria 25 Aprile, contrariamente alle prime valutazioni, verrà realizzata una proiezione luminosa dal soffitto, che richiama  uno dei segnali di navigazione collocati sulle rive del Po: un richiamo, in pieno centro città, alla presenza del grande fiume. gbiagi

© Riproduzione riservata
Commenti