Cronaca
Commenta

Minacce alla compagne di scuola:
100 messaggi al giorno. Condannato

A processo era contestato il reato di stalking, ma il giudice ha derubricato il reato in minacce e molestie, ed ha condannato l’imputato a tre mesi di reclusione. Sotto accusa c’era Antony, colpevole, per la procura, di aver minacciato e molestato via social Maria e Roberta, sue compagne di scuola alle elementari, inviando loro numerosissimi messaggi su Instagram con insulti e minacce, anche di morte. I fatti risalgono al periodo compreso tra agosto del 2017 e il gennaio del 2019.

Oggi in aula è stata sentita la testimonianza delle due giovani, entrambe 30enni. Maria ha raccontato di aver ricevuto da Antony qualcosa come una cinquantina di messaggi al giorno. All’inizio, ha spiegato, erano “messaggi normali”, come “Ti ricordi di me?”, “Come stai?”, “Eravamo alle elementari insieme, vediamoci”, poi il giovane ha cominciato ad avanzare “pretese sentimentali”, e infine gli insulti e le minacce. La testimone ha raccontato di avergli bloccato il profilo Instagram, ma lui ne creava sempre di nuovi. “All’inizio questa cosa mi ha fatto arrabbiare”, ha detto la ragazza, “poi ho avuto attacchi di panico”. Nel 2019, Maria aveva sporto denuncia e da quel momento Antony non si è fatto più vivo. 

Stesso comportamento, l’imputato l’aveva tenuto con Roberta, che dal 2017 al 2019 aveva ricevuto “almeno 100 messaggi al giorno a intervalli di tempo”. Offese, insulti e minacce di morte, non solo a lei, ma anche alla sorella e al padre. “L’ho bloccato, ma lui creava sempre dei profili nuovi”, ha ricordato in aula la ragazza. “Vivevo nell’angoscia. Il 27 febbraio del 2019 ho sporto denuncia, e da quel momento non mi ha più scritto”.

Per Antony, il pm onorario Silvia Manfredi aveva chiesto la pena di un anno per l’imputazione originale di stalking, mentre il legale della difesa d’ufficio, l’avvocato Michela Tomasoni, l’assoluzione per la non capacità di intendere e di volere dell’imputato, che però non è mai stato sottoposto a perizia. Alla fine la condanna a tre mesi per i reati più lieve di minacce e molestie.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti