Cronaca
Commenta

Lavori alla stazione: riaperto il sottopasso
per i marciapiedi serve ancora pazienza

Il sottopasso (lato Mantova) della stazione ferroviaria è stato finalmente riaperto a ottobre, ma la stazione di Cremona è ancora un cantiere aperto. E i disagi per i pendolari e soprattutto per i portatori di disabilità sono tanti. Per questo in Consiglio comunale oggi è stata approvata all’unanimità una mozione presentata da Enrico Manfredini (Fare Nuova la Città – Cremona Attiva) per sollecitare l’amministrazione a continuare a fare pressioni su RFI.

“Una sollecitazione anche da parte del Consiglio ha un valore rafforzativo utile a far comprendere che le necessità di terminare gli interventi in tempi rapidi è davvero sentita da tutta la città – ha risposto l’assessore alla Mobilità Simona Pasquali -. Detto questo, gli incontri con RFI – Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) per quanto concerne i lavori alla stazione sono piuttosto serrati così come lo sono le segnalazioni che arrivano praticamente ogni giorno dai pendolari che invece subiscono un disagio iniziato più di due anni fa.

Siamo consapevoli che i lavori commissionati da enti e società pubbliche sono spesso “in affanno”, soprattutto se eseguiti dovendo mantenere un servizio in funzione, d’altra parte siamo consapevoli anche che tali disagi vanno a sommarsi a quelli che i pendolari devono affrontare quotidianamente. Nell’ultimo incontro, RFI ha innanzitutto comunicato di avere ultimato i lavori delle opere civili del sottopasso lato Mantova e che entro la fine di ottobre sarebbe stato aperto con segnaletica provvisoria e così è avvenuto.

I display elettronici, per i quali ci sono problemi di approvvigionamento dei componenti, saranno posizionati entro fine anno. Sempre in base a quanto riferito da RFI, i lavori al marciapiede del binario 1 dovrebbero terminare al più presto con la posa delle rampe che sono già sagomate e modellate. Una parte comunque è già stata aperta, mentre le pensiline e i nuovi led saranno installati in tempi brevi. Per quanto riguarda gli ascensori vi sono alcuni rallentamenti sulla procedura per la conformità e il controllo a distanza, una situazione analoga ad altre località italiane e dovuta anche ai cambiamenti al riguardo delle direttive nazionali. L’ultimazione slitta pertanto ai primi mesi del 2023. Infine, per quanto riguarda il progetto della velostazione sono in corso interlocuzioni e vi è la disponibilità da parte di RFI a compiere sopralluoghi congiunti”.

© Riproduzione riservata
Commenti