Sport
Commenta

Più forti del Covid: consegnate
le Benemerenze CONI 2020

Nonostante un 2020 fortemente segnato dalla pandemia lo sport cremonese è comunque riuscito a brillare. Prova ne sono le benemerenze 2020 del CONI, consegnate questa mattina, domenica 27 novembre, nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale a Cremona.

All’evento, presentato dalla giornalista di Cremona1 Cristina Coppola, hanno presenziato l’assessore allo Sport del Comune di Cremona Luca Zanacchi (arrivato dopo aver partecipato alla 5 porte), il delegato CONI di Cremona Tiziano Zini e il componente della Giunta Regionale del CONI Giuseppe Giovanetti, in vece del presidente lombardo Marco Riva. Presenti anche i fiduciari CONi per il Casalasco Daniela Panizzi e per il Cremasco Fabiano Gerevini, oltre che il Fiduciario tecnico Giovanni Radi.

11 le medaglie di bronzo consegnate: Miriam Vece, Diego Bani ed Elena Bissolati per i successi nel ciclismo, Dario Dester e Sveva Gerevini nell’atletica leggera, Paola Natale nel tiro con l’arco, Vito Gianfranco Truglia nell’automobilismo, Valentina Rodini (canottaggio) e Matteo Mignoli e Riccardo Maria Spotti nella canoa kayak. Assente l’undicesimo premiato, Filippo Vincenzi (canoa kayak).

Marta Cavalli è stata invece insignita della medaglia d’argento. Un riconoscimento che si va ad aggiungere a quello festeggiato ieri nella sua San Bassano nell’ambito dei premi della Federcilcismo provinciale. Medaglia d’oro, invece, per il Campione Mondiale cl. F/250 (specialità circuito) di motonautica Andrea Ongari.

Il Csi Cremona, l’Asd Zac Castelleone, Mauro Facchetti (Fip), Luigi Bertoletti r Fabio Pellachin (UISP) hanno ricevuto i premi speciali del CONI Cremona. Graziano Galbarini, Giovanna Ernesta Ione Mainardi, Paolo Marcenaro, Fabio Tambani hanno ricevuto la stella di bronzo al merito sportivo riservate a i dirigenti, mentre Augusto Bisicchia è stato insignito di quella d’argento. Palme al merito tecnico, infine, per Matteo D’Auria e Paola Mainardi.

 

© Riproduzione riservata
Commenti