Chiesa
Commenta

Una reliquia della beata Barelli in ogni sede
della Cattolica: il 14/12 l'arrivo a S.Monica

Mercoledì 14 dicembre, il campus di Cremona dell’Università Cattolica del Sacro Cuore accoglierà una reliquia della beata Armida Barelli, cofondatrice con padre Gemelli dell’ateneo. Verrà esposta nel corso della S. Messa che sarà celebrata alle 10.30 nella cappella dal Vescovo di Cremona Mons. Antonio Napolioni.

Beatificata da Papa Francesco lo scorso aprile, Armida Barelli è sepolta nella sede milanese dell’Università Cattolica, il luogo da lei amato e a cui ha dedicato la sua vita. Terziaria francescana, nel 1921, mentre ricopriva già da quattro anni la carica di amministratore unico dell’editrice Vita e Pensiero, raccolse da Giuseppe Toniolo l’impegno di fondare, insieme a padre Gemelli, Francesco Olgiati e Ludovico Necchi “una Università dei cattolici italiani”. Dopo soli tre anni furono aperte a Milano le prime due facoltà (Scienze sociali e Filosofia) e da allora l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha continuato a crescere. Oggi gli studenti iscritti sono oltre 40.000, il personale docente e ricercatore quasi 5.000 e oltre i 1200 il personale non docente.

Grazie all’iniziativa voluta da mons. Claudio Giuliodori, Assistente pastorale Generale dell’ateneo, una reliquia della Beata è stata inviata in ogni sede dell’Ateneo come a sottolineare quanto l’impegno, la tenacia, la lungimiranza e la santità della Barelli stiano alla base della storia di questo ateneo che da Milano si è diffuso a Piacenza, Cremona, Brescia fino a Roma con sorprendente vitalità, divenendo un punto di riferimento anche internazionale nella ricerca e nella trasmissione del sapere.

© Riproduzione riservata
Commenti