Un commento

Su 53 giorni tra Cremona e Milano 33 con disservizi subiti Il diario aggiornato del pendolare

diario-del-pendolare-al-23-marzo

102 viaggi effettuati, 53 giorni di viaggio, 54 reclami presentati (28 reclami specifici per la tipologia di abbonamento annuale, 26 reclami di carattere “generale”). Questo il bilancio del diario del pendolare Marco Guarneri, abbonato di prima classe sulla Mantova-Cremona-Milano, aggiornato al 23 marzo 2012 mattina. Il seguito di un lungo elenco cominciato l’11 maggio del 2011 e inviato, oltre che a Provincia e Comune, anche all’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Raffaele Cattaneo. All’interno unicamente major issues relative alla tipologia di abbonamento: reclami per ritardo solo sopra i 10minuti, non durante eventi quali scioperi/terremoti/nevicate abbondanti, registrati sul sito di Trenord. I giorni di viaggio con almeno un reclamo sono stati 33, il 62,3%, i viaggi con almeno un disservizio 43, il 42,2%. Mancanza delle carrozze di prima classe, treni gelidi, ritardi fino a 150 minuti, due ore e mezza. Tutto in un dossier dettagliatissimo che non risparmia neppure il “nuovo” treno recentemente messo sulla linea.
«Il nuovo treno è arrivato – appunta il pendolare nelle sue osservazioni – motivi per gioire comunque non ce ne sono poiché il resto dei treni mostra segni di cedimento ogni giorno più marcati: treni insufficienti a Codogno, avendo delle carrozze chiuse già a Cremona. Passaggi a livello non funzionanti – so bene che Trenord dirà “non è mia colpa bensì di RFI” ma questo comunque non depone a favore di Trenord. Definire nuovo un treno vecchio di trenta anni mi parrebbe un eufemismo. Fare il lifting (o restyling, poco cambia) è solo esteriorità, l’impalcatura rimane quella che è: il giorno 20 marzo, treno 2646, una delle porte di accesso della carrozza di prima classe era già “pronta” per la prossima spruzzata di neve. Piuttosto sono stato favorevolmente colpito dallo sforzo di “relazione con il pubblico” di regione Lombardia e Trenord sugli organi locali di informazione per i “nuovi” convogli: peccato che gli organi di informazione locale abbiano mostrato fotografie di sorridenti inaugurazioni di convogli ferroviari che poi parrebbero non coincidere con quanto messo per ora in linea, attendo i prossimi convogli per essere smentito».
L’elenco dei disservizi arriva il giorno dopo la notizia, diffusa sulle testate locali e nazionali, delle difficoltà di una ragazza in carrozzina di salire alla stazione di Cremona sul treno delle 7.33 per Milano (leggi l’articolo). «L’Utp – precisa l’Associazione Utenti del Trasporto Pubblico rispetto a quanto uscito venerdì – invierà ai Prefetti di Mantova e Cremona una nota per richiamare le Aziende di Trasporto Pubblico tra cui Trenord, ad una maggiore attenzione nella problematica delle persone con scarsa disabilità. Avendo avviato le necessarie verifiche, non è possibile presentare un esposto, poichè solo la stessa ragazza può presentare querela, oppure le Forze dell’Ordine possono procedere d’ufficio qualora ne ravvedano le necessità».

Elenco disservizi:
54 – data 23.03.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
53 – data 20.03.2012, treno 2661, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno piano sfalsato, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
52 – data 20.03.2012, treno 2646, ritardo di ca 10 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Milano Lambrate (reclamo su sito Trenord);
51 – data 16.03.2012, treno 2657, ritardo di ca 10 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
50 – data 14.03.2012, treno 2655, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
49 – data 14.03.2012, treno 2646, carrozza di seconda classe gelide (reclamo su sito Trenord);
48 – data 14.03.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
47 – data 12.03.2012, treno 2661, ritardo di ca 15 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
46 – data 06.03.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
45 – data 05.03.2012, treno 2661, ritardo di ca 25 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
44 – data 02.03.2012, treno 2659, ritardo di ca 20 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
43 – data 01.03.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
42 – data 28.02.2012, treno 2646, carrozza di prima classe chiusa e non agibile (treno Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
41 – data 27.02.2012, treno 2663, ritardo di ca 15minuti all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
40 – data 27.02.2012, treno 2663, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
39 – data 27.02.2012, treno 2646, carrozza di prima classe chiusa e non agibile (treno Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
38 – data 24.02.2012, treno 2659, ritardo di ca 10minuti all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
37 – data 23.02.2012, treno 2661, ritardo di ca 25minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo. Volendo esserlo 23minuti “pieni”) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
36 – data 23.02.2012, treno 2646, carrozza di prima classe chiusa e non agibile (treno Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
35 – data 22.02.2012, treno 2663, ritardo di ca 15 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo. Volendo esserlo 13minuti “pieni”) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
34 – data 20.02.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
33 – data 17.02.2012, treno 2659, ritardo di ca 20 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
32 – data 16.02.2012, treno 2663, una carrozza di prima classe completamente declassata e dichiarata non utilizzabile, una carrozza di prima classe parzialmente declassata e comunque non utilizzabile (reclamo su sito Trenord);
31 – data 16.02.2012, treno 2663, ritardo di ca 30-35 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
30 – data 15.02.2012, treno 2659, ritardo di ca 20 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non faccio il pignolo) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
29 – data 15.02.2012, treno 2659, treno con carrozza di prima classe chiusa e non utilizzabile (reclamo su sito Trenord);
28 – data 14.02.2012, treno 2663, ritardo di ca 30 minuti (anche in questo caso all’incirca, e non facciamo i pignoli) all’arrivo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
27 – data 10.02.2012, treno 2646, strade percorribili senza intoppi per le automobili ma ca30minuti di ritardo all’arrivo del convoglio a Mi-Lambrate: trovo assurdo che la automobile sia più puntuale dei treni (anche tenendo conto dei pochi cm di neve caduti) (reclamo su sito Trenord);
26 – data 09.02.2012, treno 2661, poiché al peggio ormai non c’è limite la situazione è stata la seguente:
* treno guasto in sostituzione di treno guasto: da informazioni ricevute da personale Trenord il convoglio utilizzato per il 2661 sostitutiva materiale “defunto” nel pomeriggio del medesimo giorno, pare a Casalpusterlengo. Successivamente il personale viaggiante avvisava prima di Cremona che, causa guasto, chi proseguiva oltre Cremona avrebbe dovuto trasbordare a Cremona (ed il convoglio sarebbe successivamente rientrato a Milano);
* treno con carrozze segnalate fuori servizio;
* treno con ca 30 minuti di ritardo (anche in questo caso all’incirca, e non facciamo i pignoli) (reclamo su sito Trenord);
25 – data 09.02.2012, treno 2661, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno a due piani, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
24 – data 08.02.2012, treno 2663, il convoglio (vivalto 27) aveva la carrozza di prima classe così fredda che si vedeva la condensa del fiato dei passeggeri. Non è di certo per tale servizio, lesivo della salute fisica, che ho pagato Trenord (reclamo su sito Trenord);
23 – data 08.02.2012, treno 2646, il convoglio (vivalto 27) aveva la carrozza di prima classe così fredda che si vedeva la condensa del fiato dei passeggeri. Non è di certo per tale servizio, lesivo della salute fisica, che ho pagato Trenord (reclamo su sito Trenord);
22 – data 07.02.2012, treno 2661, convoglio soppresso con comunicazioni verso gli utenti/clienti assolutamente deficitarie e tali da non permettere lo utilizzo di eventuali percorsi /tratte alternative. Arrivo a Cremona con solo 1,5 h di ritardo (anche in questo caso all’incirca, e non facciamo i pignoli, 90 minuti). Chiedo se anche in questo caso, come per il giorno 01.02.2012, il disservizio sia da imputarsi a problemi nell’area di Milano-Certosa. Nel caso la risposta fosse positiva chiedo a Trenord quale sia il remediation plan che abbia posto in essere: torno a ripetere che il contratto di servizio l’ho attivato nei confronti di Trenord e da Trenord pretendo risposte. Poi sarà questione di Trenord gestire i rapporti (e le eventuali penali) con i propri fornitori (p.e. RFI). (reclamo su sito Trenord);
21 – data 07.02.2012, treno 2646, convoglio “defunto” dopo Tavazzano, arrivo a Milano Rogoredo con appena 2,5h (all’incirca, e non facciamo i pignoli, 150 minuti) di ritardo. Questo guasto è la giusta “apoteosi” di tutte le segnalazioni pervenute da parte dei pendolari circa lo stato dei mezzi utilizzati (in particolare sulla vetustà e manutenzione). E’ lo stesso modello di treno (ad un piano, non Vivalto) che ancora stamane aveva carrozze fuori servizio, e che presenta anche problemi alle porte che si aprono in parte, al riscaldamento non funzionante, ai finestrini che non si chiudono, etc. (reclamo su sito Trenord); Alle h 14.40 del 07.02.2012 il treno 2646 risultava su Internet (sistemi Trenord) ancora con 5minuti di ritardo dopo il passaggio a Tavazzano: misteri imperscrutabili di Trenord!
20 – data 07.02.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe, due carrozze non agibili (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
19 – data 06.02.2012, treno 2648, una carrozza non utilizzabile, svariate porte che si aprivano per metà (considerando che il tipo di treno aveva un corrimano a metà del primo gradino di discesa non era di certo facile la salita/discesa), passeggeri in piedi fino a Codogno (reclamo su sito Trenord);
18 – data 06.02.2012, treno 2648, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
17 – data 06.02.2012, h08 – caos a Milano Rogoredo (treni fermi, ritardi aggiuntivi nell’ordine delle decine di minuti). Ma sul sito internet di Trenord nessun avviso agli utenti, tutto regolare (ultimo avviso generico sul maltempo in data 02.02.2012) (reclamo su sito Trenord);
16 – data 06.02.2012, treno 2648, arrivo a Milano Lambrate con 45minuti circa di ritardo (reclamo su sito Trenord);
15 – data 03.02.2012, treno 2659, riscaldamento non funzionante e in carrozza di prima classe (reclamo su sito Trenord);
14 – data 03.02.2012, treno 2646, riscaldamento non funzionante e ricircolo con aria fredda in carrozza di prima classe. Poiché al peggio non c’è limite oggi si vedeva la condensa del fiato dei viaggiatori. Il comportamento di Trenord è lesivo nei confronti dei propri clienti e della loro salute (reclamo su sito Trenord);
13 – data 01.02.2012, treno 2659-stazione di Milano Lambrate, utenti lasciati a se stessi: nessuna comunicazione chiara su quanto stesse accadendo, incapacità di gestire le emergenze (ovvero incapacità di gestire le alternative). Un plauso al personale Trenord inviato come “agnello sacrificale” sui marciapiedi e che doveva gestire comunicazioni surreali, dagli enti Trenord, ai passeggeri inutilmente in attesa. Circa 120minuti di ritardo a Cremona (reclamo su sito Trenord);
12 – data 01.02.2012, treno 2646, riscaldamento non funzionante e ricircolo con aria fredda in carrozza di prima classe (reclamo su sito Trenord);
11 – data 26.01.2012, treno 2663, numero carrozze insufficenti e viaggiatori in piedi fino a Codogno (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
10 – data 26.01.2012, treno 2663, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
09 – data 26.01.2012, treno 2646, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto) (reclamo su sito Trenord);
08 – data 23.01.2012, treno 2661, mancanza carrozza/scompartimento di prima classe (treno ad un piano, non Vivalto), carrozza di seconda classe al buio e lercia, viaggiatori in piedi fino a Codogno (reclamo su sito Trenord);
07 – data 17.01.2012, treno 2659, riscaldamento non funzionante con ricircolo di aria fredda in carrozza di prima classe e carrozze di seconda classe al buio (reclamo su sito Trenord);
06 – data 17.01.2012, treno 2659, ritardo allo arrivo a Cremona di ca 33 minuti (reclamo su sito Trenord);
05 – data 16.01.2012, treno 2646, riscaldamento non funzionante e ricircolo con aria fredda in carrozza di prima classe (reclamo su sito Trenord);
04 – data 10.01.2012, treno 2646, riscaldamento non funzionante e ricircolo con aria fredda in carrozza di prima classe (reclamo su sito Trenord);
03 – data 09.01.2012, treno 2646, ritardo alla stazione di Milano Lambrate di ca 25 minuti (reclamo su sito Trenord);
02 – data 04.01.2012, treno 2659, ritardo allo arrivo a Cremona di ca 27 minuti (reclamo su sito Trenord);
01 – data 04.01.2012, treno 2646, riscaldamento non funzionante e ricircolo con aria fredda in carrozza di prima classe (reclamo su sito Trenord); personale viaggiante “non pervenuto” (reclamo su sito Trenord).

Greta Filippini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Elia

    Quella nella foto è un Vivalto, non è il “nuovo treno”