2 Commenti

Nel Quartiere centro
vince il centrodestra
Paolo Marcenaro il più votato

Alta l’affluenza dei votanti per le elezioni del Comitato di Quartiere Centro: 207 i cittadini che hanno preso parte alla consultazione. Le urne sono state chiuse sabato e oggi cè stato lo scrutinio. Secondo i primi dati, ancora non ufficiali, il piu votato è stato Paolo Marcenaro, che ha ottenuto 47 voti. Seguito da Enrico Bresciani con 43 voti, Alberto Terreni con 36; ex aequo Francesco Puerari e Giorgio Medagliani con 25 voti, pari merito con 20 voti Vincenzo Montuori e Giorgio Gamba. Infine 19 voti li ha ottenuti Maurizio Camoni e 18 Lorenzo Chieffi. I primi non eletti sono Michele Arisi e Giuseppe Lauritano, con 18 voti, che andranno a sostituire chi eventualmente rinuncerà ad entrare nel direttivo. Questo è dunque l’elenco dei papabili che andranno a costituire il consiglio del futuro quartiere centro.

L’organismo direttivo infatti sarà costituito da nove persone che rappresenteranno i 17mila residenti del centro. L’onda lunga del centrosinistra che nelle ultime elezioni si è riappropriata del Comune, dopo che il centrodestra era stato sconfitto, non è arrivata invece in uno dei quartieri forse più indicativi. Merito della campagna elettorale di alcuni componenti del centrodestra che è stata portata avanti in questi mesi e del totale disinteresse del Pd cittadino.

I risultati confermano dunque l’insoddisfazione che c’è verso la Giunta comunale. Già nei prossimi giorni, dopo l’ufficialità dei risultati con le conferme degli eletti, il direttivo si darà appuntamento per nominare il presidente e il vice, mentre il segretario sarà eletto. Seguirà poi la convocaizone dell’assemblea. Tra le problematiche segnalate dai residenti del quartiere centro, emerse nel corso dell’ultima riunione, che si era tenuta alla presenza dei rappresentanti del Comune, la questione sicurezza, i locali della movida; toni piu pacati invece sulla raccolta differenziata.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • giorgino carnevali

    LA POLITICA, AMO’ !
    “Machecentra” la politica in tutto questo? Destra, sinistra, alto e basso. Cara la mia cara Silvia, i quartieri (questi s…conosciuti!) devono necessariamente viaggiare senza freni inibitori. Se è vero ciò che scrivi “vero”, siamo messi malissimo. Anzi, se tutto va bene…siamo rovinati. Contro ogni aspettativa questa scoperta non ci rassicura affatto. Anche perché non è facile da digerire. Guai se ci sbattessimo il naso. Comunque, nonostante tutto, checchè se ne dica, invece si, insomma forse…..

  • giorgino carnevali

    CAPISCI A ME E SMENTISCI !
    A Silvia giornalista.
    Capisci a me: REGOLAMENTO DEI COMITATI DI QUARTIERE.
    ART. 3 – FINALITA’ – “I Comitati di Quartiere sono organismi territoriali “APOLITICI” di partecipazione democratica, non hanno alcun fine di lucro ed operano per fini socio-culturali, sportivi, ricreativi e solidali per l’esclusivo soddisfacimento di “INTERESSI COLLETTIVI” e per il bene comune del Quartiere”.
    Si attende smentita (almeno una nota chiarificatrice, dai!) di quanto contenuto nel suddetto titolo di codesto articolo a firma di Silvia Galli. Viceversa perché disattendere l’art. 3 in questione? A meno che….! Sempre buon lavoro Silvia.