Commenta

'Giorno della Memoria',
avanti il programma
degli appuntamenti

Avanti gli appuntamenti promossi direttamente o con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona in occasione della ricorrenza del “Giorno della Memoria”. Domani, mercoledì 27 gennaio, alle ore 16, nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale, sarà presentato il nuovo Comitato Liberazione e Costituzione. Intervengono il sindaco Gianluca Galimberti, l’assessore comunale alla Trasparenza e alla Vivibilità Sociale Rosita Viola, la presidente del comitato provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia Mariella Laudadio, il presidente della sezione provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani Angelo Rescaglio e il presidente della sezione di Cremona dell’Associazione Nazionale Divisione Acqui Tiziano Zanisi. E’ previsto un momento musicale a cura di Sara Zeneli, allieva dell’Istituto di Studi Superiori “Claudio Monteverdi”, che eseguirà Adagio e fuga dalla prima sonata in sol minore di J.S Bach e Capriccio n. 24 di Niccolò Paganini con il “violino della Shoah”.

Sempre domani, EmmeCi Associazione Culturale proporrà uno spettacolo con video proiezioni al Centro culturale Santa Maria della Pietà (piazza Giovanni XXIII), per la cittadinanza alle ore 17  e tre repliche per le scolaresche alle ore 10, 11 e 14,30. L’evento è abbinato alla mostra concorso internazionale di illustrazione “S.O.S.” a cura di Tapirulan, aperta fino al 31 gennaio negli spazi di Santa Maria della Pietà. Il “violino della Shoah” di nuovo protagonista il 29 gennaio, questa volta a Brescia, alle 20,45, nel concerto “Viaggio nella musica Yiddish” promosso dall’Associazione Cieli Vibranti di Brescia con il gruppo Klezmorim  presso la sede dell’associazione For-Art in via Casazza, 34. Il “violino della Shoah” verrà suonato dalla violinista Daniela Fusha. La serata è suddivisa in quattro momenti: Canti in ebraico, preghiere della tradizione sacra; Canti popolari in yiddish; Canti della Shoah; Canti di gioia.

Venerdì 29 gennaio, alle 11,30, allo Stadio Zini (ingresso da via Cardinal Massaia), presso la lapide che ricorda il calciatore Vittorio Staccione, morto a Gusen-Mauthausen nel 1945, deportato in quel campo di concentramento per le sue idee antifasciste, il Panathlon e il Comune di Cremona, organizzano una cerimonia per ricordare  le figure di sportivi che in quel periodo buio per la storia dell’umanità hanno affrontato con coraggio e coerenza momenti drammatici, pagando spesso con la vita. Intervengono il sindaco Gianluca Galimberti e il presidente del Panathlon Club Giovanni Radi. Saranno presenti  delegazioni di Torino, Fiorentina e Cremonese, le squadre in cui Staccione militò da calciatore professionista. Nel corso della cerimonia l’attore Jim Graziano Maglia leggereà alcuni brani che ricordano Arpad Weisz, allenatore di calcio di origine ebraica deportato ad Auschwitz dopo la promulgazione delle leggi razziali, e la vita travagliata di Johann Trollmann, pugile sinti nella Germania nazista. L’evento è aperto a tutta la cittadinanza, in particolare ai giovani, perché conoscano il contributo che anche il mondo sportivo, o perlomeno tanta parte di esso, ha dato in quegli anni per la conquista della democrazia e della libertà. Per questo appuntamento è prevista la partecipazione di studenti degli istituti di istruzione superiore cittadini.

Infine, il 4 febbraio, alle 11,30, a Palazzo Cittanova, sempre con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, la Consulta provinciale degli studenti di Cremona, attraverso l’Ufficio Scolastico Territoriale, organizza il “Concerto della Memoria” insieme ad Eyal Lerner, un artista eclettico da anni suonatore di musica Klezmer e classica, noto in tutta Italia e all’estero. Lerner, che vive a Genova, da anni propone spettacoli teatrali e musicali per spiegare ai bambini, ai giovani, alle scolaresche varie l’importanza della memoria. L’iniziativa è riservate alle scuole.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti