2 Commenti

La liuteria perde pezzi:
il Concorso Internazionale
approda a Roma

Cremona continua a perdere preziosi pezzi di quella che è la sua peculiarità più grande: la liuteria.  Il Concorso Internazionale di Liuteria intitolato a Santa Cecilia si svolgerà infatti a Roma dal 27 settembre al 29 ottobre. A promuovere l’evento, Anlai Cremona, il Conservatorio di Santa Cecilia, l’Accademia di Santa Cecilia e il Museo degli Strumenti Musicale di S. Croce di Gerusalemme.

Tornerà quindi a Roma un evento liutario che in passato era considerato il più importante a livello nazionale, e con il quale la capitale sta cercando di riconquistare un ruolo di rilievo nella liuteria. “Con questa manifestazione  si vuole rinverdire la tradizione e la gloria del passato ma nel contempo creare qualcosa di nuovo e di eclatante” spiegano gli organizzatori. “Ci piace ricordare che Gioacchino Pasqualini che nel 1924 si era diplomato a Santa Cecilia, nel 1949 fece nascere l’Anlai unitamente ad importanti liutai riprese le tradizioni del passato organizzando nuove edizioni del Concorso di Santa Cecilia sino al 1956”.

Il nuovo concorso consta di due sezioni. La prima è aperta ai liutai italiani professionisti ed ai liutai stranieri professionisti operanti in Italia che potranno cimentarsi nel Concorso Internazionale per strumenti ad arco. La seconda è aperta invece ai liutai professionisti di qualsiasi nazione che si cimenteranno nel Concorso Internazionale per strumenti ad arco antichizzati. In entrambi i concorsi è previsto un premio speciale per un giovane liutaio.

La giuria internazionale sarà composta da maestri liutai di chiara fama e da musicisti importanti e sarà presieduta da una personalità di rilievo nel campo della musica. Le opere dovranno pervenire presso il Conservatorio di Santa Cecilia entro il 15 settembre 2016 e le iscrizioni entro il 30 luglio. La premiazione è prevista il giorno 5 ottobre 2016. Le opere vincitrici e ammesse ai concorsi resteranno in mostra sino alla fine di ottobre. Saranno esposte anche opere che hanno vinto le varie edizioni del Concorso Nazionale di Santa Cecilia negli anni venti e nelle edizioni successive. Verranno quindi ricordati in appositi incontri i grandi maestri liutai del passato che dettero vita al Concorso di Santa Cecilia e quelli che si affermarono con le opere più interessanti nelle varie edizioni del Concorso.

Un concorso nuovo, dunque, ma che ruba la piazza a Cremona, svolgendosi proprio in concomitanza con Cremona MondoMusica. L’ennesimo smacco per la città del Torrazzo (e dei violini), che si aggiunge alla ormai nota perdita del 10º Concorso nazionale di Liuteria Anlai, che si terrà a Milano, al castello Sforzesco, dopo la mancata disponibilità di Cremona ad ospitarlo, e allo scioglimento dell’associazione di liutai Stradivariazioni, che per anni ha animato la casa di Stradivari con iniziative ed eventi.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sorcio Verde

    Ce ne faremo una ragione e di sicuro i cremonesi non perderanno il sonno per questo.

  • Terziere

    Ma dov’è la notizia clamorosa? Il Concorso,da quello che si evince dell’articolo,non è mai stato ospitato a Cremona,ma sempre a Roma fino al 1956. È la solita polemica pilotata da qualcuno. Perché non si dà risalto alle realtà presenti ed operative a Cremona,non solo quelle che chiudono miseramente dopo 2/3 anni, nate esclusivamente in contrapposizione ad altri?