Commenta

Padania Acque: affidata
a società esterna la ricerca
del direttore generale

Affidata ad una società specializzata in selezione di top manager, la ricerca del direttore generale di Padania Acque, colosso idrico del territorio. La politica dovrebbe quindi restare fuori dai giochi.

Padania Acque  – colosso idrico del territorio, capitale interamente dei Comuni e della Provincia, 400 milioni di euro di investimenti programmati nei prossimi vent’anni – ha affidato a una società specializzata in selezione di top manager, la ricerca del direttore generale. Non un bando pubblico (come ha fatto ad esempio un’altra azienda a totale capitale pubblico come Cremona Solidale) bensì una selezione affidata ad una società di consulenza altamente specializzata nella selezione di executives, la Hirtos di Milano. Insieme al direttore generale verrà individuato anche un direttore tecnico. Sembra quindi che la politica resterà fuori dalla scelta del direttore generale, figura di cui da tempo veniva auspicata la presenza in una società che conta 150 mila clienti, centinaia di dipendenti e relazioni con oltre cento comuni azionisti.

Al futuro direttore generale vengono richieste (si legge nell’annuncio pubblicato sul sito internet aziendale)  “spiccate doti manageriali in termini di problem solving, proattività e capacità di gestire e formare sotto l’aspetto tecnico e manageriale i propri riporti. Avrà consolidate competenze in relazione agli strumenti avanzati di pianificazione a medio e lungo termine, budgeting, controllo di gestione e analisi degli investimenti e conoscerà le tematiche di organizzazione e gestione dei processi e i sistemi di incentivazione e motivazione del personale”. Oltre a “capacità di operare in condizioni di elevati carichi di lavoro e gestire diversi argomenti / criticità, sapendo attribuire le priorità e delegare correttamente le relative attività operative; elevata capacità di comunicazione nell’ambito della propria organizzazione e con gli stakeholder esterni, rappresentati principalmente dall’Autorità di settore e dai Comuni serviti”.

Intanto Padania Acque è entrata nel pieno dell’operatività, con l’avvio di una serie di interventi su potabilizzatori, depuratori, smaltimenti in vari comuni della Provincia. E il prossimo 22 marzo, Giornata Mondiale dell’Acqua, ha indetto un convegno a palazzo Trecchi per fare il punto su presente e futuro del servizio idrico cremonese.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti