Commenta

Principe nuovo presidente
Confcommercio, in Giunta
Stanga, Bossi, Bragalini

Vittorio Principe è il nuovo presidente di Confcommercio. Una elezione giunta, per acclamazione del Consiglio riunitosi lunedì 27 giugno, un po’ prima di mezzanotte. Principe avrà come vice vicario la presidente di Terziario Donna Nadia Bragalini; come vicepresidenti due volti noti: il cremasco Graziano Bossi e Federico Corrà, guida di AscomFidi, già con lo stesso ruolo nella precedente giunta Casarin. Del casalasco sarà referente Giulio Adami, delle Terre di mezzo resta Andrea Badioni. Attenzione anche ai temi della innovazione con l’ingresso in Giunta di Deborah Ghisolfi, che guida il gruppo It, e ai giovani con il neo eletto presidente del Gruppo Davide Garufi. Completa la squadra Marco Stanga.

principe e casarin - dentro

Passaggio di consegne tra Fausto Casarin (a destra) e Vittorio Principe alla guida di Confcommercio Cremona.

 “Essere Associazione di rappresentanza significa saper leggere in profondità il nostro settore”, afferma Principe in un comunicato diffuso all’indomani dell’elezione. “Proprio per questo ho voluto, intorno a me, dirigenti che fossero espressione del territorio, da Crema a Casalmaggiore. Così come andava riconosciuto il ruolo sempre più importante dell’imprenditoria femminile. Confcommercio ha da poco festeggiato i settant’anni ma deve saper guardare al futuro. Con questo spirito ho voluto la presenza di tanti giovani e dei referenti di gruppo i settori che rispecchiano appieno la complessità del nostro settore. Siamo una Associazione del Commercio ma anche del Turismo e dei Servizi, della logistica e delle professioni”.
“Essere corpi intermedi, oggi più che mai, significa essere gente di squadra. Avevo auspicato una elezione all’unanimità; questa stessa compattezza e capacità di lavorare insieme deve essere il metodo nuovo con cui affrontare le sfide cui siamo chiamati”. Anche per questo – ed è una novità assoluta – Principe ha voluto coinvolgere, con la Giunta e attraverso le società partecipate, quasi la metà dei consiglieri. “La strada del futuro è aperta davanti a noi – conclude il neo presidente della Confcommercio – Vogliamo essere protagonisti dello sviluppo delle imprese e del territorio, vogliamo lavorare con attenzione, impegno e senso di responsabilità. Ci riconosciamo nelle nostre aziende, che non stanno ferme, ma cambiano, aiutano la provincia di Cremona a crescere. Lo fanno, ogni giorno, con fatica, con coraggio, con idee. Essere all’altezza di rappresentarle significa riconoscersi nelle loro storie e nelle loro speranze ed essere al loro fianco per realizzarle. Anche per questo proseguiremo nel lavoro di riorganizzazione della struttura migliorando ulteriormente i servizi”.

principe e squdra - dentro

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti