Cronaca
Commenta2

Via Brescia, Fasani: 'Nessuno gioisce, Cremona governata da dilettanti'

Replica del consigliere Federico Fasani alla nota della maggioranza sulla questione sottopasso di via Brescia.: “Assisto impotente all’ennesima occasione che ‘la maggioranza’, così si firma, ha perso per comporsi in un dignitoso silenzio. Esordiscono accusando l’opposizione di gioire per un provvedimento contro la propria città. Eh no. Il provvedimento è contro l’operato dell’Amministrazione Galimberti e nessuno gioisce, basta sapere leggere per rendersi conto che la mozione a cui si riferiscono tradisce semmai tanta tristezza da parte di chi l’ha scritta, nel vedere Cremona governata da pericolosi dilettanti che sfogano la loro indesiderata creatività scolastica sulla cosa pubblica. L’opposizione ha tentato in tutti i modi consentiti, ordini del giorno, mozioni e interrogazioni di fermare l’Amministrazione, e lo ha fatto quando era ancora possibile farlo”.

“Ma il Consiglio – prosegue Fasani – ha deciso di bocciare tutto condannando i cremonesi a pagare per i danni provocati dall’arroganza. È così tra un sorriso e l’altro di alcuni componenti della giunta siamo arrivati al dunque. La Regione, per motivi tecnici deliberati dai funzionari addetti all’analisi della rendicontazione delle opere, ha dovuto applicare la sanzione amministrativa al Professore e ai suoi. Curioso ed eloquente é invece l’assunto del “komunicato” di maggioranza secondo il quale gli eletti di Regione, che è “di destra”, avrebbero dovuto interferire con i lavori di analisi economica della rendicontazione e, immagino, fare pressione sui dirigenti per fare chiudere un’occhio su mezzo milione di euro di errori. Vorrei ricordare alla “maggioranza” che esiste chi fa politica senza fare pressioni sui dirigenti per procurarsi vantaggi. Capisco, è questione di stile, quello che manca agli amministratori cremonesi che non intendono assumersi responsabilità e fanno pagare i propri errori ai cittadini”.

“Un’ultima cosa – in conclusione -. Consiglio alla maggioranza un ripassino della questione: scoprirebbe che il progetto esecutivo del sottopasso di via Brescia, quando ancora comprendeva i due sensi di marcia, è firmato Galimberti ed il cantiere non era nemmeno incominciato. Ma forse è più comodo gettare fango sugli altri”.

© Riproduzione riservata
Commenti