Commenta

Droga nel reggiseno: disposte
le analisi. La ragazza libera,
il fidanzato ai domiciliari

Sono comparsi questa mattina in tribunale per essere giudicati per direttissima, i due fidanzati arrestati ieri pomeriggio dai carabinieri e trovati in possesso di 6,36 grammi di eroina nascosta nel reggiseno di Katia, 28enne residente a Cremona. Al termine dell’udienza, lei, che è incensurata, è tornata in libertà, mentre il suo fidanzato, Gianmaria, 36enne di Spinadesco, è agli arresti domiciliari nella casa dove vive con i suoi genitori. L’uomo, infatti, ha già alle spalle due precedenti specifici. La coppia, assistita dall’avvocato Laura Negri, aveva intenzione di patteggiare, ma l’udienza è stata rinviata in quanto il giudice Francesco Sora ha disposto un’analisi sullo stupefacente sequestrato. I risultati saranno resi noti il prossimo 17 maggio. L’accusa, per entrambi i giovani, che al momento non hanno un lavoro, è quella di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ieri pomeriggio la coppia era di rientro in auto da Milano, piazza di approvvigionamento per numerosi tossicodipendenti che giornalmente si muovono verso quella città con diversi mezzi di trasporto. I carabinieri, impegnati in un posto di controllo, hanno notato una Citroen C3 che alla vista dell’equipaggio improvvisamente ha accelerato dileguandosi per una strada laterale alla S.P. 234. I militari si sono messi all’inseguimento del mezzo riuscendo a bloccarlo dopo circa due chilometri. All’esito del controllo, la ragazza ha spontaneamente consegnato tre involucri termosaldati contenenti eroina nascosti nel suo reggiseno. A casa dei due è stata anche trovata una piccola bilancia di precisione ed alcuni flaconi di metadone e su un cellulare, nel corso dell’attività dei carabinieri, continuavano ad arrivare messaggi con chiare richieste di incontro finalizzato all’acquisto di stupefacente.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti