Commenta

Padania Acque risponde a M5S:
'Tutto regolare nelle nostre
procedure di assunzione'

A strettissimo giro di posta, Padania Acque risponde alla consigliera M5S Maria Lucia Lanfredi che a nome del movimento, domenica scorsa aveva sollevato dubbi sulle modalità di reclutamento di alcune figure tecniche da parte del gestore del ciclo idrico provinciale. Lo aveva fatto attraverso un’interrogazione a risposta scritta rivolta alla presidente del Consiglio comunale Simona Pasquali, ma è la stessa Padania Acque, attraverso l’ufficio comunicazione, a fornire le risposte.

“Prima di entrare nel merito della questione – afferma la società – occorre premettere che Padania Acque S.p.A., come tutti gli operatori economici del Settore Servizi Pubblici a rete e a rilevanza economica, basa le proprie scelte in funzione di una programmazione pluriennale e definita in più atti ufficiali (Pianificazione d’ambito ottimale, Piano industriale, ecc.). Gli atti vengono assunti ed approvati dagli Enti Locali soci (i comuni della provincia) e dalle Autorità di Regolazione del settore preposte (Ente d’Ambito della Provincia di Cremona – ATO e Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico – AEEGSI).
Proprio in funzione degli obbiettivi di investimento e della qualità del servizio, definiti dal “territorio”e validati dalle Authority, a fronte del turn over di personale, si è proceduto alla selezione di 7 figure (e non 5) specializzate. L’Organigramma aziendale di Padania Acque S.p.A., del resto, nella sua struttura, è la concreta rappresentazione degli importanti impegni di riorganizzazione del Servizio Idrico e di investimento nelle competenze al servizio dell’utenza.  
Per attuare i Piani aziendali abbiamo scelto un’agenzia di reclutamento che supporti la struttura di Padania Acque S.p.A. nella selezione delle figure professionali. L’agenzia selezionata non è, come è stato scritto, Obiettivo Lavoro ma Randstad, che offre sì lavoro interinale, ma che nel caso in questione ha fornito il proprio servizio a Padania Acque, in qualità di agenzia di recruiting; tale agenzia è stata scelta secondo le modalità prescritte dal “Regolamento per l’acquisizione di lavori, servizi, forniture e incarichi a professionisti tecnici” e dal D.Lgs. 50/2016 “Codice dei Contratti Pubblici”. 
Il regolamento è disponibile sul sito aziendale nella sezione “Gare e Fornitori”.
Gli avvisi pubblici di selezione sono stati pubblicati sul sito di Padania Acque, all’Albo Pretorio di tutti i Comuni della Provincia e in più occasioni anche sui quotidiani locali. Inoltre, attraverso alcuni motori di ricerca di personale, l’Agenzia di reclutamento incaricata ne ha promosso la massima diffusione in “rete”.
Il Regolamento per la selezione ed il reclutamento del Personale è disponibile sul sito di Padania Acque S.p.A.  nella sezione “Trasparenza” alla voce “Bando di concorso”, così come lo sono le schede che definiscono i profili e le modalità di partecipazione alla selezione.
Tale Regolamento è stato predisposto e adottato nel pieno rispetto della normativa applicabile alle Aziende Pubbliche partecipate da Enti Locali, in particolare dei principi di cui al D.Lgs. 165/2001 “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” e del D.L.  112/2008 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria”, inoltre è conforme al dettato normativo previsto dal D.Lgs.  175/2016 “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”.
Padania Acque, quindi, ha operato nel pieno rispetto delle norme che regolano le modalità di assunzione del personale per le Aziende partecipate e/o controllate dagli Enti Pubblici territoriali; così come ha agito nel rispetto del Codice dei Contratti Pubblici per la selezione di forniture per servizi”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti