Commenta

Cremona Musica 2017:
120 eventi in tre giorni
con tanti grandi nomi

Musicisti professionisti e amatoriali si danno appuntamento dal 29 settembre al 1°ottobre 2017 a Cremona Musica International Exhibitions, la nuova edizione della manifestazione divenuta l’evento europeo più importante per il mondo degli strumenti musicali di alta gamma, accessori ed edizioni. In tre giorni sono previsti oltre 120 eventi fra presentazioni, concerti, masterclass, festival, workshop e mostre che vanno a completare il ricco repertorio espositivo che include strumenti ad arco, chitarre acustiche, strumenti a fiato, pianoforti ed edizioni musicali.

Tanti gli eventi e i grandi nomi che si susseguiranno nel corso dei tre giorni, a partire dalle masterclass con i docenti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia Sonig Tchakerian, Benedetto Lupo, Carlo Fabiano e Giovanni Sollima. Per il mondo della chitarra acustica saranno presenti i liutai Richard Hoover, Jason Kostal, Steve Klein, e i musicisti Eric Lugosch, Paolo Bonfanti e Michelangelo Piperno. Per la sera di venerdì 29 settembre, il programma prevede il gala concert di Tuck & Patti, Diane Ponzio e Finaz al Teatro Ponchielli di Cremona. Nelle tre giornate di Cremona Musica International Exhibitions 2017 ci saranno anche i festival dedicati al pianoforte con Inna Faliks, Maurizio Baglini, Alessandra Ammara, Danilo Rea, Ramin Bahrami, Itamar Golan, Natsuko Inoue ed Enrico Pierannunzi, e poi ancora masterclass e concerti di flauto con Hyunim Yoon, Matteo Evangelisti, Gary Schocker, Jean-Claude Gérard, Andrea Manco, Cho Sunghyun.

A Cremona Musica 2017 parteciperanno anche Corrado Giuffredi, Andrea Giuffredi, David Brutti, Marcio Pereira e Nello Salza (la famosa tromba di moltissime colonne sonore di Ennio Morricone). Ma oltre ai grandi nomi, il 2017 porta con sé anche una grande novità: debutta infatti lo spazio “Suona con…”, che offrirà l’occasione unica a un numero limitato di appassionati di affiancare dal vivo sul palco musicisti del calibro di Gilles Apap, Enrico Pierannunzi, Itamar Golan, Danilo Rea e Umberto Petrin. E ancora spazio alla chitarra acustica:  mostre storiche dedicate alla sei corde blues e alla chitarra del periodo Ottocentesco fino ai primi del Novecento, la nuova edizione dell’Italian Bluegrass Meeting, e poi incontri, workshop e jam session, la rassegna per cantautori-chitarristi Corde & Voci d’Autore e un concerto per 100 chitarre. Il tutto con uno sguardo puntato anche al futuro: Beppe Bornaghi farà il punto sulle nuove tecnologie applicate alla musica.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti