Politica
Commenta3

Toninelli (M5S): 'Acquisizione LGH-A2A, disastro economico e occupazionale annunciato' 

Non usa mezzi termini l’onorevole e portavoce cittadino alla Camera dei Deputati Danilo Toninelli del M5S, per dire ciò che pensa del “matrimonio” tra LGH e A2A. “Il M5S è l’unica forza politica che fin da subito si è opposta alla svendita di LGH a A2A, non a parole ma con atti concreti. L’operazione non era scellerata solo dal punto di vista economico – scrive  –  ma sapevamo che lo sarebbe stata anche dal punto di vista occupazionale. E oggi i fatti, che si chiamano tagli di personale, ci stanno danno tristemente ragione. Come avevamo previsto, le tanto sbandierate sinergie, ottimizzazioni e riduzioni dei costi di cui i sindaci del PD Galimberti e Bonaldi si riempivano la bocca, si limiteranno a smantellamenti di uffici ora esistenti sul territorio. A pagare sulla propria pelle queste scelte scellerate non saranno solo i lavoratori trasferiti o ricollocati, ma anche coloro che avevano ricevuto promesse di assunzione. E’ questa la famosa partnership e conseguente valorizzazione del territorio che i professionisti della politica avevano promesso? – si chiede l’on. Toninelli – A nostro parere, perdere attività  e competenze ci pare vada nella direzione esattamente opposta. Sarebbe stato meglio essere sinceri fin da subito, dicendo esplicitamente che lo smantellamento dei reparti e degli uffici era tra gli obiettivi primari di tale acquisizione. Il territorio di Cremona avrà  un ruolo sempre più marginale – conclude – senza alcuna possibilità di influenzare scelte che saranno calate da Milano. La strategia che al M5S pareva già  chiara un anno fa si sta rivelando ormai a tutti: con il 51%, A2A può imporre qualsiasi decisione, comprese quelle che portano a un impoverimento di LGH. Così facendo, potrà  acquistare il rimanente 49% per due soldi, oppure limitarsi a fare i propri comodi senza ulteriori esborsi, forte di quel 51% che già ora gli permette qualsiasi cosa”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti