Commenta

Stradivaria e Centropadane,
il Comune temporaneamente
mantiene le azioni

L’amministrazione comunale temporeggia per quanto riguarda la dismissione delle quote in Autostrade Centropadane e Stradivaria. Si adegua formalmente alla legge Madia, che pone dei forti paletti alla permanenza degli enti pubblici in società per azioni non operative e con più amministratori che dipendenti (è il caso di Stradivaria), ma al tempo stesso non mette ancora sul mercato le proprie quote, in attesa che si definisca il passaggio di mano della concessione dell’autostrada A21. Lo ha spiegato questo pomeriggio il sindaco Galimberti in consiglio comunale, nell’illustrare il secondo atto, dopo quello del 10 luglio, della revisione delle partecipazioni societarie. “La normativa è chiara e definisce un processo di dismissione delle quote. Ma siamo consapevoli che è in atto un percorso tuttora in evoluzione, che coinvolge due ministeri, oltre ad un percorso di ridefinizione della mission della società. Noi siamo dentro questo percorso, insieme al resto del territorio e agli altri soci”.

Dunque, entrambe le partecipazioni vengono mantenute, in attesa di un’evoluzione che il sindaco pensa possa definirsi nell’arco dei prossimi mesi. Precisamente – ha detto il sindaco leggendo il dispositivo della delibera – la decisione è quella di “alienare le quote di partecipazione detenute direttamente dal Comune in Autostrade Centropadane Spa e indirettamente da Aem Spa, mantenendo solo transitoriamente le partecipazioni subordinatamente alle scelte che i soci pubblici delibereranno nel breve termine, stante l’evoluzione societaria”. Gli incontri a Roma presso i ministeri (Infrastrutture ed Economia) sono continui; uno sblocco sul definitivo passaggio della concessione dell’A21 al gruppo Gavio c’era stato in estate, ma da allora la situazione non si è ancora definita.Per quanto riguarda Stradivaria, ha ricordato Galimberti, non è ancora arrivata la risposta della Regione agli enti locali interessati dalla Cremona – Mantova, che avevano inviato una richiesta di chiarimenti circa il destino dell’autostrada regionale. In pratica: l’infrastruttura per cui era stata creata Stradivaria è ancora di interesse regionale o no?

Dunque, il Comune di Cremona opta per un “temporaneo mantenimento delle partecipazioni per guidare il percorso nei prossimi mesi, una scelta razionale e saggia che conferma le caratteristiche del nostro lavoro con le partecipate”. Senza dimenticare che “nella questione Centropadane c’è un tema occupazionale molto forte e impegnativo; nell’accordo esistente c’è il mantenimento del livello occupazionale, e su questo tema la nostra attenzione deve restare massima, sia per gli aspetti quantitativi, sia per la valorizzazione del know how esistente”.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti