Cronaca
Commenta

Controlli antincendio in ritardo nelle scuole pubbliche, Ceraso: 'Grave mancanza del Comune'

Dopo la vicenda del mancato controllo dei dispositivi antincendio collocati presso le palestre della scuola media Virgilio, denunciata dalla società sportiva Corona su Cremonaoggi, interviene il consigliere comunale Maria Vittoria Ceraso, che nelle ultime settimane si è occupata di approfondire la questione. “Ciò che sembra emergere dalla lettura degli atti amministrativi è che il Comune di Cremona, dopo la scadenza del contratto di servizio con la ditta Gielle di Altamura alla quale, per gli anni 2015-2016, era stato affidato, tramite gara, l’incarico di provvedere alla manutenzione delle diverse attrezzature antincendio, quali estintori naspi e idratanti, collocati negli edifici comunali, non ha provveduto ad espletare una nuova procedura per l’affidamento del suddetto incarico per il 2017, non attuando così, nei termini previsti dalla legge, i controlli e la manutenzione necessari a garantire le condizioni di sicurezza in scuole ed edifici pubblici”.

Insomma, non si trattava soltanto di un problema della Virgilio, ma di tutti gli edifici di proprietà comunale, che per diverso tempo sono rimasti senza controlli. “Solo a seguito dell’insistenza dei dirigenti della società sportiva Corona affinché venissero effettuati i suddetti controlli, il Comune ha affidato in tutta fretta alla ditta Manzi di Cremona un incarico per mettersi in regola almeno nelle scuole (affidamento a fine novembre per i controlli del secondo semestre 2017! E per il primo semestre?)” continua Ceraso. “Credo che questa sia una grave mancanza per un’Amministrazione che ha dichiarato come prioritario il tema della sicurezza soprattutto negli edifici scolastici. Si tenga conto infatti che la funzionalità e l’efficienza dei sistemi e delle attrezzature antincendio sono requisiti essenziali per assicurare la salvaguardia e la tutela delle persone, dei beni e dell’ambiente e che la normativa italiana prevede scadenze stringenti per controlli e manutenzioni per garantire che tutti i sistemi di sicurezza siano mantenuti efficienti nel tempo”.

Per il consigliere, “vale la pena ricordare inoltre che in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro assume particolare rilevanza l’articolo 68 del decreto legislativo 81/2008, che prevede sanzioni (arresto o ammenda) per l’omessa  manutenzione periodica dei presidi antincendio. Da questo obbligo di legge non vi sono deroghe ed in particolare l’adempimento interessa soprattutto il principe dei dispositivi antincendio qual’è l’estintore”.

Ma il problema dei controlli sui dispositivi di sicurezza non è l’unico a preoccupare l’Associazione sportiva Corona, “che molto si è spesa in questi anni per rendere funzionali le due palestre della scuola Virgilio utilizzate, da ultimo con la tinteggiatura delle pareti, la sistemazione dei finestroni, la rimozione di attrezzi rotti e non utilizzati da tempo” prosegue Ceraso. “Resta infatti critica la situazione dei bagni e spogliatoi utilizzati dagli ospiti durante le partite, con porte rotte e infiltrazioni d’acqua. Vorrei ricordare che l’Amministrazione in sede di rinnovo delle Convenzioni con le Società sportive aveva garantito, a fronte di un addebito alle stesse dei costi di gestione non più in maniera forfettaria ma puntuale e pur nella consapevolezza che utenze elettriche, idriche e di riscaldamento rappresentano un punto dolente perché molti impianti sono vetusti e i consumi non sono sempre direttamente imputabili agli utilizzatori, che si sarebbe impegnata a eseguire, con i risparmi ottenuti dalle minori spese per utenze a carico del Comune, quei lavori di manutenzione necessari a garantire una migliore fruibilità delle strutture stesse.

Molto spesso invece, a fronte del puntuale pagamento da parte delle Società Sportive di quanto dovuto per la concessione delle strutture, le segnalazione fatte al Comune rispetto alla necessità di piccole opere di manutenzione rimangono inascoltate, soprattutto considerando il fatto che non è chiara la competenza dei vari uffici-servizi che dovrebbero intervenire, che vicendevolmente si rimpallano la competenza (Ufficio Sport o altri servizi?), creando così disagi allo svolgimento delle attività sportive che molte volte potrebbero essere risolti con interventi tempestivi e poco costosi per il Comune”.

TESTO INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: Manutenzione delle attrezzature antincendio presenti nei diversi edifici comunali per l’anno 2017 – Piccole opere di manutenzione nelle palestre in concessione ad Associazioni sportive.

Premesso che:
– La funzionalità e l‘efficienza dei sistemi e delle attrezzature antincendio sono requisiti essenziali per assicurare:
• la salvaguardia e la tutela delle persone;
• la salvaguardia e la tutela dei beni;
• la salvaguardia e la tutela dell’ambiente;
– La corretta “manutenzione dei sistemi e delle attrezzature antincendio” assume un ruolo fondamentale nella garanzia del mantenimento di questi requisiti nel tempo;
– La manutenzione dei sistemi antincendio è regolamentata dalla legge italiana, che prevede che tutti i sistemi di sicurezza siano mantenuti efficienti nel tempo;
– Per assicurare la manutenzione delle dotazioni antincendio presenti negli edifici comunali per il biennio 2015-2016, il Comune di Cremona ha affidato il servizio di manutenzione delle diverse attrezzature antincendio, quali estintori naspi e idratanti, mediante procedura negoziata telematica tramite piattaforma Sintel di Regione Lombardia, alla ditta Gielle di Galantucci Luigi di Altamura (BA), con determina n. 1157 del 7/8/2015, per un importo di 19.678,20 ( iva 22% esclusa).

Considerato che:
– In data 7 novembre 2017 la Asd Polisportiva Corona, tramite il suo dirigente Gianfranco Felloni, ha denunciato pubblicamente, attraverso mezzo stampa, che, nonostante più volte sollecitato, il Comune non avrebbe provveduto nel 2017, a far controllare l’estintore installato all’ingresso delle palestre della scuola media Virgilio, utilizzate in concessione dalla società sportiva;
– La norma di riferimento è la UNI 9994-1:2013 e prevede che con frequenza almeno semestrale venga fatta una verifica dell’efficienza degli estintori tramite una serie di accertamenti tecnici specifici a seconda del tipo. I passaggi successivi sono la revisione, cinque anni dopo l’installazione, e il collaudo, dopo ulteriori cinque anni;
– In materia di sicurezza nei luoghi di lavoro assume particolare rilevanza l’articolo 68 del decreto legislativo 81/2008, che prevede sanzioni (arresto o ammenda) per l’omessa la manutenzione periodica dei presidi antincendio. Da questo obbligo di legge non vi sono deroghe ed in particolare l’adempimento interessa soprattutto il principe dei dispositivi antincendio qual’è l’estintore;
– Solo in data 21/11/2017 con determina n. 2083 il Comune di Cremona (a seguito della segnalazione della Società Corona?) ha affidato direttamente alla ditta Manzi Gianfranco S.r.l. di Cremona gli “interventi di manutenzione delle attrezzature antincendio presenti negli edifici scolastici del Comune di Cremona, relativamente al II semestre 2017”, per un totale di Euro 4.237,67 (I.V.A. 22% compresa);
– Successivamente la ditta Manzi ha provveduto alla manutenzione del citato estintore della scuola Virgilio e sta presumibilmente procedendo al controllo di tutti i dispositivi di sicurezza antincendio presenti nelle scuole comunali che si presume non essere stati sottoposti alle verifiche di funzionalità previste dalla legge in quanto per il 2017 l’incarico è stato affidato solo da qualche giorno e solo per gli edifici scolastici.

Considerato altresì che:
– Il problema estintore non è l’unico a preoccupare l’Associazione sportiva Corona, che molto si è spesa in questi anni per rendere funzionali le due palestre utilizzate, da ultimo con la tinteggiatura delle pareti, la sistemazione dei finestroni, la rimozione di attrezzi rotti e non utilizzati da tempo. Resta infatti critica la situazione dei bagni e spogliatoi utilizzati dagli ospiti durante le partite, con porte rotte e infiltrazioni d’acqua;
– L’Amministrazione in sede di rinnovo delle Convenzioni con le Società sportive aveva garantito, a fronte di un addebito alle stesse dei costi di gestione non più in maniera forfettaria ma puntuale e nella pur consapevolezza che utenze elettriche, idriche e di riscaldamento rappresentano un punto dolente perché molti impianti sono vetusti e i consumi non sono sempre direttamente imputabili agli utilizzatori, che si sarebbe impegnata a eseguire, con i risparmi ottenuti dalle minori spese per utenze a carico del Comune, quei lavori di manutenzione necessari a garantire una migliore fruibilità delle strutture stesse;
– Molto spesso invece, a fronte del puntuale pagamento da parte delle Società Sportive di quanto dovuto per la concessione delle strutture, le segnalazione fatte al Comune rispetto alla necessità di piccole opere di manutenzione rimangono inascoltate, soprattutto considerando il fatto che non è chiara la competenza dei vari uffici-servizi che dovrebbero intervenire, che vicendevolmente si rimpallano la competenza (Ufficio Sport o altri servizi?).

Si chiede al Sindaco e alla Giunta
– Alla scadenza del contratto con la ditta Gielle, perché il Comune di Cremona non ha attivato una nuova procedura di gara per l’affidamento del medesimo incarico per l’anno 2017 al fine di garantire i controlli e la manutenzioni dei dispositivi di sicurezza antincendio nei termini di legge?
– Come mai si è provveduto solo in data 21 novembre 2017, in pratica a fine anno, ad affidare il servizio di manutenzione delle attrezzature antincendio presenti negli edifici scolastici del Comune di Cremona, relativamente al II semestre 2017? E per gli altri edifici comunali chi provvederà e in che tempi ai controlli e alla manutenzioni dei dispositivi antincendio previsti dalla legge?
– Quando si interverrà per risolvere le criticità dei bagni e degli spogliatoi segnalati dalla Società sportiva Corona?
– Quali sono gli uffici/servizi del Comune competenti ai quali i dirigenti delle Società Sportive possono rivolgersi per la risoluzione tempestiva dei piccoli problemi di manutenzione legati alle strutture date in concessione?

 

© Riproduzione riservata
Commenti