5 Commenti

Iniziata la rimozione dei cavi
elettrici dei filobus: squadre
Citelum al lavoro di notte

Sono iniziate la sera di lunedì poco dopo le 20 le operazioni di smontaggio della linea aerea dei filobus, in disuso dal 2002, partendo da piazza Cadorna e fino all’incrocio di viale Po con via Lugo, dove i cavi si erano abbassati pericolosamente anche a seguito del passaggio di una betoniera che li aveva agganciati per errore.

I lavori, inizialmente previsti fino a via Lugo, sono proceduti più velocemente del previsto e quindi lo smantellamento è andato avanti fino a circa metà viale.  All’opera quattro squadre della ditta Techno Ellesse incaricata da Citelum, presente con il direttore area Nord Italia Marco di Domenica e il contract manager Mauro Dal Pozzolo, per un totale di 10 uomini che hanno via via tranciato i cavi. Presenti anche l’assessore Alessia Manfredini e il dirigente Marco Pagliarini. La zona è stata isolata con transenne e con la sorveglianza di una pattuglia della Polizia Locale che ha seguito progressivamente i lavori lungo il viale. Dallo smantellamento verranno ricavate circa 5 tonnellate di cavi in rame, per cui è già stato trovato un acquirente: ricavo tra i 20 e i 25mila euro per il Comune, con cui verranno realizzate nuove panchine per il viale. Oltre ai cavi in rame sono stati rimossi anche i pesanti tiranti agganciati agli edifici o ai pali in cemento armato, allineati tra l’alberatura del viale. Pali che non verranno rimossi anche se ora sono privi di ogni utilità.

Per domani notte è previsto il proseguimento del lavoro nel tratto largo Moreni – via Serio, e la terza sera nel tratto centrale di viale Po, salvo imprevisti.

g.biagi

 

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mirko

    È finita ormai….invece del progresso abbiamo scelto il regresso

  • volante blu

    Almeno siamo la prima città, che spende soldi per distruggere, mentre le altre investono per ridurre l’inquinamento.

  • giorgino carnevali

    PROSPETTIVE.
    Si stanno giocando il futuro per rovinarsi il presente. A non cercare nemmeno di capire. A che scopo? Dovrà pur avere uno scopo l’intervento, visto che lo fanno!

  • Daniro Auro Mandelli

    Che tristezza, in Europa si investe nella mobilità sostenibile e qui si smantella l’unica possibilità di avere mezzi pubblici davvero ecologici.

  • Illuminatus

    Che peccato… un tempo i filobus erano un vanto della nostra città!

    Ora l’unico vanto rimasto è l’ideologia senza programma né futuro.