Commenta

Tribunale, Bersani il giorno
dopo l'allarme incendio:
'La sicurezza è la mia priorità'

“Un grande ringraziamento ai vigili del fuoco che ieri sono intervenuti prontamente con la loro consueta efficienza e professionalità”. Ci ha tenuto a sottolinearlo, oggi, il presidente della sezione penale Giuseppe Bersani, facente funzioni di presidente del tribunale, in merito all’allarme incendio scattato ieri a palazzo di giustizia. Si è trattato di un guasto al sistema di allarme causato da un utente che, premendo sul sensore antincendio, scambiandolo per un apriporta delle cancellerie, lo ha danneggiato.

“Il nostro impianto antincendio ha funzionato”, ha spiegato il presidente Bersani. “Sono stati effettuati immediatamente controlli e verifiche anche da parte della ditta incaricata della manutenzione”. “La sicurezza del tribunale è una priorità”, ha detto ancora il presidente Bersani, che dal suo arrivo, sei mesi fa, non si sta certo risparmiando. “Ovviamente”, ha puntualizzato, “ci sono piccole imprecisioni, come ad esempio prese di corrente o qualche estintore non posizionato correttamente, ma si sta rimediando a tutto”.

Un compito non affatto semplice, se si pensa che il tribunale non ha un’autonomia di spesa. “Quasi tutte le spese”, ha spiegato il presidente, che ha chiesto anche la vigilanza armata negli uffici distaccati del giudice di pace, “devono essere approvate dalla commissione permanente, poi devono passare dalla corte d’appello di Brescia e infine al Ministero che le deve autorizzare”. “Qualsiasi cosa che non va, come ad esempio una lampadina bruciata che deve essere cambiata, invio proposta alla commissione”, ha aggiunto Bersani, che qualche spesa l’ha pure affrontata di tasca propria.

“Prima i locali, che sono del Comune, erano gestiti dalla stessa amministrazione, mentre ora passa tutto per il Ministero: dal riscaldamento, alla luce, all’acqua. “E’ stato intanto approvato”, ha concluso Bersani, “il ripristino di tutte le prese elettriche alla cancelleria penale e lo scorso mese di dicembre è venuto un ingegnere ad effettuare un controllo di tutti gli uffici. La sicurezza è garantita”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti