Commenta

Importante incarico a Torino
per il numero 2 della questura
di Cremona Carmine Grassi

Carmine Grassi con il questore Bonaccorso

Imminente trasferimento a Torino per il vice questore vicario della Questura di Cremona Carmine Grassi che andrà a ricoprire lo stesso ruolo per la Questura di Torino. A Cremona, Grassi, nato a Foggia nel 1964, laureato in Giurisprudenza all’università di Bari, poliziotto di grande esperienza e con incarichi di rilievo alle spalle, era arrivato nel giugno 2016. E’ già stato a capo del Gabinetto di polizia scientifica del Triveneto e in passato dirigente delle squadre mobili di Brescia e Como. Ha contribuito, tra le altre cose, alla soluzione di svariati casi di omicidio, tra cui il cold case di un’anziana vittima di una rapina in casa a Trieste, ed è stato inoltre promotore di un protocollo operativo stipulato con i direttori veneti del 118 sulle le linee di intervento sulla scena del crimine in caso di soccorso sanitario.

Nell’agosto del ’92 è stato assegnato alla Questura di Reggio Calabria-Commissariato distaccato di Polistena dove ha svolto indagini di contrasto alle cosche mafiose della Piana. Nell’anno 1995 ha assunto l’incarico di dirigente della mobile di Como e ha coordinato il gruppo di lavoro costituito con personale dello Sco e dell’allora Criminalpol Lombardia per l’indagine “Notte dei Fiori di San Vito” che ha consentito di disarticolare i “locali” della Cosca Mazzaferro in Lombardia, con l’arresto di oltre 500 persone, molte delle quali affiliate alla ‘Ndrangheta reggina.

Nel febbraio 2001 ha assunto a Brescia l’incarico di dirigente della sezione criminalità organizzata della mobile, istituita dopo la soppressione dei servizi interprovinciali della disciolta Criminalpol e dal 2004 ha assunto la dirigenza della mobile distrettuale di Brescia, svolgendo indagini sul contrasto al traffico internazionale di droga, sequestro di persona, associazioni mafiose nazionali e straniere, riciclaggio, reati sessuali, tratta di clandestini, efferati omicidi ed evasioni. Ha collaborato in indagini internazionali per il contrasto al traffico di droga e immigrazione clandestina con numerosi organi di polizia esteri di Spagna, Francia, Belgio, Germania, Olanda, Marocco, anche con il coordinamento di Eurojust. A gennaio 2011, dopo la promozione a primo dirigente, ha assunto l’incarico di dirigente del Gabinetto interregionale della polizia scientifica del Triveneto.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti