12 Commenti

Strada Sud, nuova raccolta
firme al via: disponibilità solo
dai consiglieri di minoranza

Entra nel vivo la nuova raccolta firme per chiedere l’indizione del Referendum relativo al mantenimento della Strada Sud nel Piano di Governo del Territorio: nella giornata di mercoledì 16 maggio sono stati ritirati presso il Comune di Cremona gli appositi fogli vidimati dal Segretario Comunale. Le firme necessarie affinche’ si possa chiedere l’indizione del referendum sono circa 2800.

I membri del  Comitato promotore per legge dovranno essere affiancati nella raccolta firme da Consiglieri Comunali che procederanno all’autenticazione delle stesse. A questo proposito, fa sapere la presidente del Comitato Promotore, Maria Cristina Arata, “solo i 12 consiglieri di minoranza hanno dato la propria disponinibilità al Comitato”.

L’auspicio dei promotori è che vi sia, fin da subito, “una grande adesione, come c’e’ stata nella prima fase di raccolta (quasi 800 firme in 3 giorni) tenuto conto che prima si raggiungerà il numero  necessario e prima i cittadini potranno esprimersi su come la pensano sulla scelta di cancellazione della Strada Sud in assenza di un’alternativa al progetto” evidenzia Arata.

I cittadini che volessero firmare possono recarsi ai vari punti di raccolta firme che verranno man mano comunicati. In particolare nel prossimo fine settimana sarà possibile firmare per il Referendum: presso i banchetti della Lega Nord in Galleria XXV Aprile, sabato e domenica mattina dalle 9.30 alle 12.30, dove saranno presenti per l’autenticazione delle firme i consiglieri comunali Alessandro Carpani e Alessandro Fanti; presso il banchetto dei Seniores di Forza Italia in Piazza Stradivari – lato Spazio Comune – sabato pomeriggio dalle 15 alle 19, dove sarà presente il consigliere Giorgio Everet; domenica mattina dalle 9.30 alle 12 sotto i portici di Via Adda zona Po (davanti agli ambulatori medici) dove ad autenticare le firme ci saranno i Consiglieri Ferruccio Giovetti e Marcello Ventura.

“La raccolta continuerà anche giornalmente da parte dei membri del comitato affiancati dai consiglieri comunali che potranno essere personalmente contatti dai cittadini per firmare i moduli” conclude Arata. “Speriamo che possa essere un bel percorso di cittadinanza attiva per la nostra città nel nome della democrazia, della partecipazione e della sovranità popolare”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sorcio Rosso

    Quindi il famoso comitato promotore apolitico, a-partitico e per la democrazia popolare raccoglie le firme nel gazebo dei partiti? Ahahah ahahahah!

    • Gianluca

      In questo caso se permetti dico a te se prima di commentare leggi le notizie: dal momento che nessuno dei consiglieri di maggioranza si è prestato per l’autenticazione delle firme raccolte, non restano che i consiglieri di opposizione. Lapalissiano.

      • Andrea è tornato ✰

        Parente di un consigliere secondo me…

  • Dott. Landi Roberto

    L’ennesima pagina prima ancora che vergognosa, semplicemente sconcertante, di questa Amministrazione. Le firme per il referendum, a dispetto del dileggio e del boicottaggio con cui l’iniziativa venne a suo tempo accolta, sono già state raccolte, con grande disappunto del Professore e dei suoi sodali. I quali hanno poi messo in atto ogni strategia ostruzionistica e dilatoria per impedire che detta consultazione potesse aver luogo. La scorrettezza nei confronti delle attese della cittadinanza è stata tale da portare perfino alcuni esponenti del PD a censuare un operato così scopertamente fazioso. Galimberti offende ed irride la volontà popolare, questo mentre i presidenti dei comitati di quartiere chiedono in forma corale di essere finalmente almeno interpellati in ordine al grave degrado in cui è scivolata la città. Potremo finalmente far sentire la nostra voce sulla sciagurata decisione di cancellare la “strada sud”? Ne dubito. Il Sindaco teme moltissimo il responso, sia pure solo consultivo, delle urne perché intuisce essergli sfavorevole, visto il montante disappunto in tutta la città sulle deleterie scelte in materia viabilistica adottate in questi anni (e non solo di quelle…). Pertanto farà di nuovo di tutto per impedirci di votare. Non preoccupiamoci. Nel 2018 gli italiani hanno mandato a casa Renzi e ridotto a poca cosa il suo partito. Nel 2019 il suo sottomultiplo padano l’appuntamento con il destino, se così vogliamo dire, proprio non lo potrà evitare. e non credo gli sarà benigno…

    • Sorcio Verde

      Per questa amministrazione sarà un anno di agonia prima della disfatta, usare questi mezzucci servirà a poco.

    • Luca Burgazzi

      Caro Dott. Landi, solitamente non rispondo ai commenti su questa piattaforma perché hanno tutti profili anonimi es Sorcio verde, rosso, giallo ecc, ma apprezzo invece che lei sia uno dei pochi a mostrare la faccia rispetto alle questioni in merito.
      Sono consigliere comunale e pertanto conosco l’iter previsto dai nostri regolamenti. Sono state raccolte le firme per chiedere di aprire la procedura, ma il regolamento prevede un’ulteriore raccolta per l’indizione. Questa raccolta, che apprendo ora essere organizzata da partiti che compongono l’opposizione, è stata indetta ora (anche se in ritardo, rispetto al normale iter) e pertanto le procedure sono in perfetta conformità al regolamento.
      Tralascio il linguaggio un po’ irrispettoso rispetto alla figura del sindaco e “di noi sodali”, tuttavia le procedure seguite sono corrette.
      Infine un’ultima postilla. I cittadini si sono già espressi sulla strada sud votando questa amministrazione che ha nelle sue linee programmatiche la cancellazione della suddetta strada. Ricordo inoltre che la procedura di revisione del PGT prevede al suo interno una fase di raccolta di pareri, proprio per favorire quella partecipazione che lei tanto auspica.
      In ogni caso, grazie per il suo contributo che a differenza di altri è fatto senza nomignoli di comodo. Buona serata

      • Dott. Landi Roberto

        Gentile Consigliere, mi permetto di dissentire sulle sue osservazioni circa la correttezza dell’operato dell’Amministrazione, nei cui confronti mantengo un giudizio molto severo, ma La ringrazio sia per i toni corretti che ha usato, sia per aver apprezzato il fatto che non mi trinceri dietro il comodo anonimato che Internet può offrire, comodo paravento usato troppo spesso in molti contesti per veicolare insulti, minacce o volgarità, per non dir di peggio. Buona serata anche a Lei.

      • Maria Vittoria Ceraso

        Da Regolamento del Referendum del Comune di Cremona le firme dei cittadini devono essere AUTENTICATE da consiglieri comunali. Il Comitato ha chiesto a tutti, maggioranza e opposizione, la disponibilita’ ad affiancarlo per il suddetto adempimento. Solo i consiglieri di minoranza hanno dato la disponibilita’. Senza l’affiancamento di un consigliere comunale nessun membro del comitato puo’ raccogliere firme. Chi vuol vedere una politicizzazione del referendum da parte della minoranza sta solo cercando l’ennesima scusa per boicottare il Comitato. Sui tempi della raccolta firme i cittadini hanno rispettato perfettamente i tempi da Regolamento ottenendo ben due parere favorevoli rispetto alla correttezza dell’attivita’ svolta da parte del Comitato Garanti.

      • Sorcio Verde

        Siamo proprio sicuri che esista un Landi Roberto? Mah…

        • Graziano Ansaldi

          Invece Sorcio Rosso e Verde esistono sicuramente, vero?

          • Mario Rossi ₷ᶌ

            Non devi dirlo a me ma al consigliere Burgazzi…

      • Illuminatus

        “I cittadini si sono già espressi … votando questa
        amministrazione che ha nelle sue linee programmatiche la cancellazione
        della suddetta strada.”

        Oddio, tra le linee programmatiche c’era anche la chiusura dell’inceneritore, che tanto inquina, ma è ancora lì, assieme ai Pm10… Si ricorda Lei questo piccolissimo dettaglio?