27 Commenti

Strada Sud, l'opposizione
replica a Virgilio: 'Decisioni
sulle spalle dei cittadini'

Ceraso, Ventura e Fasani

Non si spegne il dibattito sulla Strada Sud, rinvigorito dall’annuncio dell’assessore Andrea Virgilio, che ha confermato la volontà da parte della Giunta di procedere con lo stralcio, che verrà fatto “massimo entro ottobre”. Una dichiarazione che ha suscitato un certo scalpore, soprattutto considerando che sono state da poco depositate le firme raccolte dai cittadini per indire il referendum consultivo sullo stralcio.

“L’amministrazione persegue il proprio piano ideologico, avulso non solo da contenuti tecnici, in quanto stralciano un’ipotesi senza aver alcuna alternativa, ma anche calpestando i basilari principi della democrazia: se la legge prevede la possibilità per i cittadini di chiedere l’indizione del refrendum, perché anticipare di due mesi l’approvazione dello stralcio Pgt?” attacca il consigliere comunale Federico Fasani (Ncd). “Perché prendere decisioni senza prima aver consultato gli elementi base del giudizio, ossia la parte scientifica e le necessità della città?”.

Attacco anche all’assessore Virgilio, che “dopo aver attuato per intero il piano urbanistico predisposto dal Centro destra, senza aver mai modificato nulla e senza aver mai contrastato la nascita di nuove aree commerciali, ora rimane con la bandierina ideologica della Strada sud, forse obbligato da qualcuno. Perché nessuna persona con un pizzico di intelligenza urbanistica rimuoverebbe una previsione del genere. Avevano detto che avrebbero preso le decisioni nell’ambito del Pums, ma questo Piano non è ancora pronto, e in commissione l’estensore del Pums ha confermato che se capirà che questa strada serve chiederà all’amministrazione di non stralciarla. Dunque questa giunta continua a fare scelte costose sulla pelle dei cittadini. Come per il sottopasso di via Brescia, come le consulenze di Albion e via di seguito“.

Per Marcello Ventura (Fratelli d’Italia), questo è proprio il momento migliore “per fare il referendum. Ora che sono tornate fuori anche le firme di chi la Strada Sud non la voleva, credo sia il caso che i cremonesi possano dire la loro. Per questo mi auguro che l’assessore Virgilio possa ritornare sui suoi passi, se la volontà popolare lo chiederà. Del resto il centrosinistra è già noto per non rispettare le decisioni prese in sede di referendum: quando i cittadini avevano detto no all’inceneritore loro lo avevano costruito ugualmente“.

Pesante invece l’attacco del consigliere Maria Vittoria Ceraso, che si è sentita direttamente presa in causa dall’intervento dell’assessore. “Sono davvero imbarazzata nel rispondere all’Assessore Virgilio, che nel suo intevento pubblico sul tema Strada Sud ha il coraggio di chiedere ‘Perchè la consigliera Ceraso non ha condotto allora una battaglia dentro alla sua stessa maggioranza che oggi le restituirebbe un minimo di credibilità?’.

Forse c’è bisogno di rinfrescargli un po’ la memoria iniziando dal 2009, quando mi sono candidata Sindaco con la mia “anonima” lista civica Ceraso- Gente per Cremona con un programma (ancora consultabile sul sito www.assoceraso.it) che a pag. 4 nel capitolo “Strada Sud” affermava l’mportanza e strategicità dell’opera. A quei tempi ottenni 1.000 voti che furono poi determinanti al ballottaggio per l’elezione del Sindaco Perri.

Ma il mio impegno per la Strada Sud durante il mandato Perri  è testimoniato anche da numerosi interventi pubblici che sono stati protocollati e quindi facilmente riscontrabili negli archivi del Comune e riportati in diversi articoli pubblicati dai quotidiani locali. Cito solo ad esempio gli incontri sul tema Strada Sud, sempre accompagnata dalla mia lista civica, con il Sindaco del 14/9/2010 e del 30/11/2011 o la lettera aperta del 21/4/2011.

Il riscontro alle nostre sollecitazioni è stato che l’Amministrazione Perri ha investito nel progetto 200.000 euro per gli studi di traffico e la redazione del progetto. Non mi pare la prova schiacciante di un’Amministrazione che non ha fatto niente per la Strada Sud!

Ma tornando al mio impegno per il progetto vorrei ricordare che quando mi sono candidata nella lista Perri insieme ad alcuni membri della lista Ceraso l’ho fatto portando in dote un programma che a pag. 64 riportava nuovamente il capitolo dedicato alla Strada Sud, pubblicato anche  in un post sulla mia pagina facebook del 20 maggio 2014. Prima eletta nella lista per numeri di preferenze ho dimostrato da subito il mio impegno per l’opera presentando un’interrogazione il 2 dicembre 2014 e un ordine del giorno il 3 maggio del 2016. Quindi io sarei quella, a detta dell’Assessore, che solo da qualche mese si è ricordata della Strada Sud per ‘raccattare un po’ di visibilità’? Forse caro Virgilio sei tu che hai la memoria corta e ti sei dimenticato dei tempi in cui votavi a favore del progetto. Chi prende per il naso i Cremonesi? Chi vuole cancellare un progetto senza aver proposto alcuna alternativa? Ma soprattutto chi sta ignorando i diritti dei cittadini e il parere dei Garanti? E tanto per capire perchè l’Assessore Virgilio sottolinea che la Presidente del Comitato promotore del Referendum sig.ra Arata era candidata nel centrodestra? Quindi si può dedurre che l’Assessore Virgilio ha un pregiudizio verso l’istanza di referendum dei cittadini per l’appartenenza politica della Presidente del Comitato mentre ritiene meritevoli di attenzioni le istanze del sig. Simone Verde che nel 2012 ha raccolto in un anno 6.000 perchè è politicamente vicino alla sua coalizione?

Caro Assessore Virgilio, ci spieghi quanto a che fare questo suo così istituzionale, corretto e fondato intervento con il fatto che è stato nominato referente per il Pd della prossima campagna elettorale per le amministrative 2019? Detto questo si ricordi, caro Virgilio, che non ho bisogno bisogno di candidarmi in nessuna anomina lista civica per il futuro, perchè quella a cui appartengo da sempre ha un nome che per Cremona ha significato molto in termini di rispettabilità, coerenza, attenzione ai problemi della gente e che merita rispetto a prescindere dalle contrapposizioni politiche”.

lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    In Italia il centrosinistra è stato umiliato a causa dei migranti, a Cremona verranno umiliati per lo stralcio della strada sud.
    E’ evidente che a loro piace perdere.

    • Illuminatus

      Io (che non sono nessuno, lo premetto) penso comunque che il centrosinistra perda a causa della propria autoreferenzialità. O sei con noi, o sei uno stupido, insomma.
      E molti questo discorso è piuttosto indigesto.

      • un fascio di luce

        vero. se non voti a sinistra sei un fascista o uno stupido… purtroppo è da tanto che la sinistra reagisce in questo modo alle contestazioni.

        rispondendo invece in merito alle reali motivazioni della strada sud, non commento neppure la ridicola allusione che dietro le raccolte firme e la richiesta di realizzarla ci sia l’interesse economico di qualcuno per quell’angolo di paradiso terrestre… sciocca dietrologia politica di chi non ha motivazioni concrete. dietro ogni scelta di governo ci sono interessi economici, dietro l’accoglienza ci sono milioni di euro che sono arrivati alle solite coop cremonesi, dietro la scelta di non spegnere l’inceneritore ci sono interessi economici, dietro la scelta di fare il referendum per spegnerlo e poi non spegnerlo c’erano interessi economici… ma dove vive lei @alcesteferrari:disqus e con cosa si mantiene?

        invece di fare affermazioni banali che millantano la conoscenza di interessi economici dietro la raccolta firme, proponga una soluzione per salvaguardare la salute dei cittadini residenti in via Giordano, che si vedono passare sotto casa anche tutti i rifiuti della città e non solo diretti all’inceneritore…. perchè anche a risolvere questa questione di SALUBRITà PUBBLICA serviva la strada sud.

        • Illuminatus

          La capacità di apprendere, anche dagli errori, è un basilare segno di intelligenza.

          Vediamo se anche i sinistri ci arrvivano.

  • Italiana

    Basta con questa strada sud, per carità!

    • Illuminatus

      Migliaia di cremonesi la vogliono, un motivo ci sarà.

      • Alceste Ferrari

        Perché non sanno cosa e chi c’e dietro. Soldi soldi soldi soldi…

        • Mario Rossi SV

          Anche dietro ai migranti ci sono quelli…

        • Illuminatus

          E allora? Ci sono interessi (soldi-soldi-soldi) anche dietro la
          costruzione di aereoporti. Con questo ragionamento, non costruiamo gli
          scali, e andiamo a New York in bici?

        • Maumaro

          Sicuramente le ciclabili le fanno gratis

          • Illuminatus

            Non certamente quella del sottopasso di via Brescia! Lì tutti noi abbiamo pagato una bella penale per l’incompetenza di qualcuno…

  • brontolo

    Inutili battibecchi..e tu qui..e tu la…e lei su..e lei giu…che noia!le cose vengano fatte secondo la legge…se c é la possibilita di fare il referendum..bene..altrimenti pace.se il progetto verra stralciato é perché si puo fare ed era stato gia detto in campagna elettorale..quindi rispettiamo anche quella maggioranza di cittadini che li hanno votati…questa é democrazia.poi se si possono o no fare le cose nn se lo inventa nessuno…basta seguire le regole..e nessuno penso voglia fare il fuorilegge

  • Jo lega

    Purtroppo quando si farà sarà usata anche da quelli che adesso la osteggiano

    • Alceste Ferrari

      Tranquillo: non si farà

      • Jo lega

        Lei forse non lo sa ma ci sono i soldi

  • Alceste Ferrari

    Tutta questa questione della strada sud è una mossa di strategia politica per delegittimare la giunta in carica.
    Sappiamo tutti che il suo stralcio era parte fondante del programma del sindaco, che ha vinto abbondantemente a quelle elezioni: democrazia è rispettare il volere dei cittadini che hanno eletto una parte e dare battaglia nei momenti opportuni, cioè elezioni amministrative, non usare l’arma referendum per tentare la spallata
    E non c’è dubbio che le truppe della destra sono ben preparate e pronte alle elezioni
    Ma il vero problema è che dietro la strada sud si stanno affacciando interessi economici forti, di chi sta adocchiando i terreni (oggi vincolati) per speculazioni urbanistiche.
    Finché non viene stralciata dal PRC, quella zona paesaggisticamente notevole è a rischio
    Possibile che i fautori di un’opera inutile (perché stradetta di campagna con traffico obbligatoriamente limitato, quindi no camion) e costosa (15 milioni che non ci sono e non ci saranno mai, a meno di vendersi mani e piedi ad Arvedi, che va stimato ma non può essere il padrone indiscusso) possibile non si rendano conto di essere manipolati da qualche affarista lungimirante?

    • Maumaro

      Commento che trasuda di ideologia. Ecco perché Cremona è una città in declino.

      • Alceste Ferrari

        La tua è una pregiudiziale ideologica! Apri gli occhi e cerca di capire quali sono gli interessi (economici) in gioco.

        • Maumaro

          Prendere lezioni da chi usa ancora termini come “padrone”? no grazie.

    • Illuminatus

      Scusi, sta negando che via Giordano sia al collasso, ed i suoi abitanti gassati quotidianamente dal traffico? O semplicemente, non abitandovi, non Le interessa?
      E’ doveroso rilevare che la progessiva chiusura del centro storico (ZTL, varchi) ad opera dell’amministrazione comunale ha convogliato più auto su quest’arteria, creando dunque il problema.

    • Jo lega

      Questa mattina ho visto tre pullman di giapponesi che guardavano il paesaggio .però ho anche notato che un autombulanza ci mette 15 minuti ad arrivare all’ospedale da quelle vie spero tanto che qualcuno di voi ne abbia di bisogno e magari resti bloccato nel traffico

    • Mario Rossi SV

      Ah si, era nel programma? Anche la chiusura dell’inceneritore era nel programma!
      Avanti così, tanto avete i mesi contati, poi non vi rivedremo più per un bel po’.

  • Maumaro

    Incredibile l’arroganza di questa amministrazione. Basterebbe un briciolo di buon senso per capire la necessità di alleggerire la viabilità a sud della città. Ma ormai la sinistra è sorda ai bisogni dei cittadini.

  • Dott. Landi Roberto

    Non c’è davvero nulla di cui stupirsi nella presa di posizione dell’Assessore Virgilio, ultimo capitolo di una vicenda stucchevole, in quanto del tutto scontata fin dall’inizio. L’Amministrazione difende come sempre totō corde le proprie scelte, anche quando queste si rivelano del tutto errate, come nel caso in questione (ma non solo in quello). Il progetto della strada sud – affossato in quattro e quattr’otto da Galimberti non appena insediatosi – è riemerso alla luce dei gravi problemi di viabilità proprio in quel comparto cittadino che beneficio avrebbe tratto dalla nuova tangenzialina. Inizia una legittima raccolta di firme, sbeffeggiata ed irrisa dalla maggioranza. Di fronte al suo successo, viene posto in atto un atteggiamento ostruzionistico e dilatorio. Una seconda iniziativa similare ha ancor più seguito ed eco della precedente. Iniziano allora le bordate contro le minoranze, accusate di strumentalizzare il problema. In nome di “questo referendum non s’ha da fare” i bravi – nell’accezione manzoniana del termine, ovviamente – della Giunta si attivano in modo scoperto per sabotarlo in via definitiva. Nulla di sorprendente. La Sinistra locale conferma di avere gli stessi tratti manichei ed autoreferenziali di quella nazionale. I cittadini si dividono in due categorie : quelli che la pensano come loro e quelli che hanno torto. Sic et simpliciter. Lo dimostra il dibattito che ha animato il PD dopo la disfatta dello scorso marzo, che si potrebbe riassumere in questi semplici termini : gli italiani hanno sbagliato a votare (come sbagliarono nel dicembre 2016 in occasione del referendum istituzionale…). Io porrei il problema in termini ben diversi. Renzi ha sprecato un’occasione irripetibile per trasformare finalmente il PD in un moderno partito che si potesse inserire nel solco della socialdemocrazia internazionale. Forte di un consenso solo intercettato alle Europee – e rapidamente svaporato – ne ha fatto invece una “gioiosa macchina di potere” e di clientele, legata ai grandi gruppi industriali e bancari. Incapace di produrre risultati concreti in termini di sicurezza, lotta alla disoccupazione, rilancio dell’economia, ha continuato a suonare la grancassa della più sfrenata demagogia spicciola (la pletora di annunci ad effetto ed i molteplici bonus fiscali ne sono l’espressione più eloquente), accompagnata da una insopportabile sovra esposizione mediatica, favorita dall’atteggiamento indulgente e benevolo della grande stampa. I risultati della Sinistra di governo sono sotto gli occhi di tutti, ma gli Italiani – popolo di ingrati – hanno fatto precipitare il partito al 18 %. Aggiungo che a distanza di quasi trent’anni dalla liquidazione a livello planetario del comunismo – molti nel nostro Paese fingono di non saperlo, ma ad inneggiare alla falce ed al martello sul globo terraqueo sono rimasti davvero in pochini, e non sono propriamente da prendere ad esempio : Cuba, Corea del Nord… Perfino la Cina ha abbandonato il totem dell’economia collettivista – siamo ancora alle prese con una Sinistra incapace di superarlo, di riassorbire le sue divisioni, di affrancarsi dalla sua pervasiva ideologia dogmatica. Tanto a livello nazionale, quanto locale. Perché una Giunta che non tiene conto che in una città di settanta duemila abitanti (neonati ed infanti illetterati inclusi), tremila e passa suoi cittadini hanno chiesto semplicemente di tenere un referendum per esprimere un parere – non vincolante – su di un argomento di oggettiva rilevanza, è tutto fuorché democratica, liberale e rispettosa delle altrui opinioni.

    • L’Alter Ego – Art Deco Edition

      Ah ah, Cuba e Corea del Nord scomodate per la strada sud, le comiche. Però si attribuisce la “pervasiva ideologia dogmatica” ad altri…sempre più comico.
      Guarda vuoi sapere come la penso? E’ colpa dei Visigoti: quando Alarico è passato dall’Italia è passato da via Giordano e, ravvisandovi traffico, ha deciso per il sacco di Roma, da cui poi sono derivate tutte le miserie italiche. Non ci sono dubbi.

      • Dott. Landi Roberto

        Francamente mi sfuggono tanto le ragioni della sua spumeggiante ilarità, quanto quelle del suo curioso excursus storico, privo di addentellati al presente. Ma la ringrazio per il suo intervento. Riferendomi all’attualità – non ai tempi delle invasioni barbariche, non sono un nostalgico in senso storico – ho semplicemente osservato che la Sinistra è tuttora pervasa da intolleranza e spocchiosa insofferenza nei confronti delle altrui opinioni. I toni da lei usati non possono che confortare le mie argomentazioni.

    • Mario Rossi SV

      Ottima disanima, e siccome continuano ad andare per loro strada con i paraocchi, lasciamoli andare… finiranno nel burrone.