Commenta

Mondiali DSISO, altro giorno
da incorniciare per la Delfini
Australia forte in staffetta

Anche nella terza giornata della Coppa del Mondo di nuoto paralimpico per ragazzi con sindrome di Down (DSISO) l’Italia, trainata dagli atleti della Delfini Cremona, ha colonizzato il podio canandese. Apre la giornata Maria Bresciani che nella finale dei 200 metri misti donne conferma la tera posizione della batteria di qualificazione, ma fa molto meglio come tempo: il suo 3’28″07, però, è di soli 60 centesimi più alto della prima classificata. Nemmeno il tempo di riprendere fiato e Bresciani scende nuovamente in vasca per la finale dei 50 farfalla, chiusa al secondo posto ditro la francese Cleo Renou.

Paolo Zaffaroni conquista il suo quarto oro personale dominando la finale dei 100 metri rana uomini, dopo che già nelle qualifiche aveva migliorato il record europeo. Argento invece per l’alfiere della Delfini nella staffetta 4×100 stile libero uomini dietro all’Australia: agli azzurri non è bastato il tempo di 4′ 58″ 23. A chiudere la penultima giornata di gara è arrivato un altro argento per Bresciani e Sabrina Chiappa che, insieme alle compagne della 4×100 stile libero donne, hanno chiuso di un soffio sempre dietro all’Australia, anche se c’è rammarico per una presunta irregolarità delle “cangure”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti