Commenta

Mondo Marcio al Trecchi,
un successo la
rivisitazione rap della Tigre

Foto Sessa

Nel cortile di palazzo Trecchi grande successo ieri sera per il rapper Mondo Marcio, che ha esaltato una folla di giovanissimi con le sue incursioni nell’universo canoro di Mina in chiave rap. “Dovrei suonare più spesso dalle vostre parti”, ha detto esaltando la città che ha visto fiorire il mito di Mina, a cui  Mondo Marcio, pseudonimo di Gian Marco Marcello, si è ispirato per il concept album “Nella bocca della tigre”, caratterizzato da campionamenti di brani originariamente concepiti da Mina, unendo il mondo del rap a quello delle sofisticate canzoni della Tigre, con effetti di assoluta originalità. Questo era il penultimo appuntamento di AcqueDotte, festival musicale tra Cremona e Salò. Sempre al Trecchi, il prossimo 2 agosto, gran finale con gli Oblivion, “The Human Jukebox”. Si tratta di un’esperienza unica nel suo genere in cui l’istrionico gruppo demolisce a colpi di risate l’intera storia della musica italiana e internazionale. In un montaggio di incroci azzardati, mash-up, parodie, duetti impossibili e canzoni strampalate, i cinque artisti coinvolgono il pubblico chiedendo alla platea quale artista interpretare, da Sanremo fino agli Amici di Maria. E non mancherà un omaggio a Mina.
I biglietti dello spettacolo (20 euro – posti numerati) si possono acquistare al Museo Civico Ala Ponzone (via Ugolani Dati, 4) tutti i giorni da martedì alla domenica dalle 10,00 alle 17,00 (tel. 0372 407770), online sul circuito Vivaticket, oppure la sera stessa del concerto al botteghino di Palazzo Trecchi dalle ore 18,30.

Foto Sessa

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti