4 Commenti

Finge di aver forato per
procurarsi un'arma e rapinare
la tabaccheria. Arrestato

Per procurarsi un’arma, nello specifico un cacciavite che poi utilizzerà per minacciare la titolare della tabaccheria di piazza Aldo Moro al Cambonino, è entrato all’interno di alcune attività della zona dicendo che aveva bisogno del cric e di altri strumenti per una riparazione. Ottenuto in prestito un kit per auto, si è impossessato di un cacciavite custodito all’interno dello stesso e dopo essersi nascosto il volto con una sciarpa e una maglia, è andato a rapinare la tabaccheria.

Proprio le testimonianze rese dalle persone cui il rapinatore si era rivolto nel corso della mattina per reperire l’arma utilizzata per minacciare la titolare della tabaccheria, ed in particolare grazie alla dettagliata descrizione dell’abbigliamento indossato, hanno consentito ai carabinieri di riconoscerlo e di rintracciarlo. L’uomo è stato arrestato  ed è accusato di  rapina aggravata e porto di oggetti atti ad offendere.

Z.H., classe 1988, marocchino, in Italia senza fissa dimora, domiciliato a Cremona, pluripregiudicato per rapina, estorsione ed altri reati contro il patrimonio, è dunque finito in manette per aver messo a segno il colpo ieri mattina verso le 11,30 alla tabaccheria “Savi”. Dopo aver minacciato la titolare con l’arma, si è fatto consegnare dalla donna, di 57 anni, la somma contante di 900 euro, dileguandosi subito dopo per le vie adiacenti. I carabinieri lo hanno bloccato poco dopo mentre stava cercando di disfarsi del cacciavite. La somma di denaro, interamente recuperata, è stata restituita.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Il Lupin del Magreb…

  • Mirko

    Ed ora sarà libero non avendo una fissa dimora, a meno che il comune non si attivi per dargliela

  • Roberto

    Ogni tanto una storia finita bene…almeno per metà, perché chi si è sudato i 900€ li ha riavuti indietro

  • Graziano Ansaldi

    Questi tipi sono tutti pluripregiudicati e sono sempre in giro. Non mi stupisce perché siamo in Italia, ma così non va.