Commenta

In servizio il nuovo questore
Melloni: 'Impegno massimo
per risolvere i problemi'

Foto Sessa

Ha fatto il suo ingresso questa mattina nel suo nuovo ufficio di via dei Tribunali, Carla Melloni, 58 anni, da oggi nuovo questore di Cremona che per la prima volta accoglie un questore donna. Melloni prende il posto del collega Gaetano Bonaccorso, che da ieri, dopo aver passato tre anni nella città del Torrazzo, è il nuovo questore di Parma.

“Non conosco Cremona come città, salvo qualche toccata e fuga ai tempi dell’università”, ha detto subito il nuovo questore, “ma spero di dare il massimo da quello che ho imparato in tutti questi anni. Cremona è comunque una città molto bella, accogliente e ospitale e spero di essere a disposizione della cittadinanza cremonese. Una città accogliente, ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze. Avrò modo di conoscerla nei prossimi giorni e di farmi un’idea migliore”.

Melloni, parmigiana, in polizia da 33 anni, è stata direttore del centro di addestramento della polizia di Stato di Cesena. Laureata in Giurisprudenza, è entrata in polizia nel 1985. E’ stata per un anno e mezzo a Piacenza come funzionario, poi si è trasferita a Milano con l’incarico di dirigente della centrale operativa. Dirigente a Parma, ha diretto il commissariato di Rapallo prima di diventare capo di gabinetto della direzione interregionale di Milano. E’ stata infine trasferita come vicario del questore a Biella e Mantova prima di approdare di nuovo a Piacenza nel 2010 dove è rimasta fino al 2017, quando è stata chiamata a Cesena per dirigere il centro di addestramento della polizia di Stato.

“Spero di poter portare tutte queste mie esperienze anche a Cremona”, si è augurato il nuovo questore. “Cercherò veramente di fare il possibile per dare a Cremona e ai suoi cittadini quello che si meritano”. “Non amo parlare di priorità”, ha poi sottolineato Melloni: “Credo infatti che tutti possano avere delle priorità: ci sono quelle, ad esempio, legate a situazioni e momenti contingenti ad episodi e fatti che si devono affrontare nell’emergenza e nell’immediatezza, mi piacerebbe affrontare tutto e dare ascolto a tutti, so che forse non sarà possibile, ma più che di priorità preferisco parlare di impegno e di buona volontà da parte mia per risolvere i problemi. Certo, non ci sono ricette o medicine che guariscano immediatamente determinati problemi. La gente, non solo a Cremona, ma anche nelle altre piccole realtà, come a Parma, la mia città d’origine, o a Cesena, la gente percepisce insicurezza, ma percepire insicurezza è una cosa, la realtà della microcriminalità è un’altra. Da parte mia, comunque, metterò tutto l’impegno possibile. La mia porta è sempre aperta, soprattutto per il personale”.

Sul fatto di essere la prima donna questore che arriva a Cremona, Carla Melloni ha ricordato di essere in polizia da più di 30 anni: “30 anni fa mi sono sentita chiedere per più di una volta se avessi mai avuto problemi con i colleghi, i superiori o gli inferiori, come si diceva all’epoca, anche se è un termine che non mi piace. Io non ho mai avuto problemi, mi sono sempre posta come sono, faccio il mio lavoro spero con serietà e impegno, per fortuna è un lavoro che amo ancora dopo 30 anni”.

Sara Pizzorni

Foto di Francesco Sessa

Il nuovo questore ricevuto dal vicario Guglielmo Toscano e dal capo di Gabinetto Angelo Lonardo

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti