Commenta

Stagione concertistica,
il programma:
si parte il 12 dicembre

E’ finalmente definito il programma della nuova Stagione Concertistica 2018/2019, che si articolerà, come di consueto, da dicembre ad aprile con una serie di appuntamenti di grande spessore. La rassegna vedrà protagoniste orchestre sinfoniche e da camera, tutte compagini di rilievo internazionale, con solisti e direttori d’orchestra di prestigio. Fra i solisti saranno presentati anche artisti emergenti di grande rilevanza artistica: la loro presenza, oltre allo scopo di dare il giusto spazio e risalto alle nuove realtà, è quello anche di avvicinare il giovane.

L’inaugurazione, come da tradizione a dicembre, sarà affidata all’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova; sul podio Andrea Battistoni, poliedrico artista italiano già applaudito al Ponchielli per l’intensa direzione orchestrale di Elisir d’amore nella Stagione d’Opera 2013. Solista della serata sarà la giovanissima violoncellista Erica Piccotti, prodigio e promessa della musica classica italiana di oggi, particolarmente legata a Cremona in quanto allieva dei Corsi di Alto Perfezionamento per Strumenti ad Arco organizzati dall’Accademia W. Stauffer.

La programmazione proseguirà con il gradito ritorno della Filarmonica Toscanini di Parma che dopo il successo del concerto tenuto lo scorso anno nel nostro Teatro con il duo pianistico Ballista/Canino, si presenta ora con Ray Chen, violinista taiwanese di nascita ma australiano di adozione definito dai media “classical pop-star” grazie alla forte visibilità dei suoi video “virali” sui social che gli garantiscono un folto numero di followers. Il concerto sarà diretto da Daniel Smith, direttore d’orchestra che ha ottenuto rapidamente il plauso internazionale dopo aver vinto prestigiosi concorsi tra i quali spicca il Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra Fitelberg dell’Unesco.

Sarà poi la volta dell’orchestra milanese laVerdi che si cimenterà in un programma per grande orchestra sinfonica che toccherà autori quali Dukas, Stravisnsky e Rimsky-Korsakov. LaVerdi sarà diretta dal suo “residence conductor” Jader Bignamini, artista di origini cremonesi che ha varcato le porte dei più grandi teatri del mondo (per citarne alcuni: Theatro Municipal de São Paulo, La Fenice, Teatro dell’Opera di Roma, Oper Frankfurt, New National Theatre Tokyo, Arena di Verona Opera Festival, Wiener Staatsoper, Bolshoi Theatre, The Metropolitan Opera).

Ad aprile sarà il momento della pianista Beatrice Rana. La “ragazza d’oro del piano”, definita così dai critici nazionali, si esibirà con due concerti di Bach insieme alla Amsterdam Sinfonietta, l’unica orchestra d’archi professionale di tutta l’Olanda. Ancora ad aprile, un altro grande violinista, Stefan Milenkovich, affronterà, con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, un complesso e curioso programma che attraverserà più di 200 anni di storia della musica partendo da Bach per arrivare ai Queen.

Il programma si completerà con altri concerti la cui rosa di proposte comprende sempre orchestre, e con loro solisti, di grande livello internazionale quali la Munich Kammerorkester e la Kammerorchester Basel.

IL PROGRAMMA

© Riproduzione riservata
Commenti