5 Commenti

Parcheggio dietro via Giordano
Salvaguardato il bosco
Sarà ad uso dei residenti

Ridotta la superficie del parcheggio retrostante via Giordano e salvaguardata la fascia boscata che in un primo tempo pareva dovesse essere cancellata. Così gli uffici tecnici del comune hanno parzialmente accolto l’osservazione di Regione e Provincia alla variante al Pgt discussa (per la terza seduta consecutiva) nella commissione territorio di lunedì scorso. L’area boscata, a cui si accede dalla parte terminale di via Lungastretta, viene confermata ed anzi ampliata, per un’estensione di circa 5000 mq e sarà più ampia di quella destinata a parcheggio, circa 4.000 mq. L’ingresso a quest’ultima, che non si configura come parcheggio corona, ma come sfogo per i residenti, sarà da via Giordano. L’area verde, peraltro, in passato è stata anche transennata per impedire il passaggio verso l’argine del Morbasco a causa del distacco di alcuni rami in occasione di forti temporali. Un’area attualmente non fruibile, con qualche panchina abbandonata da tempo, bisognosa di manutenzione continua e su cui periodicamente si alzano le proteste dei residenti per via delle cattive frequentazioni.

“La soluzione individuata dai tecnici comunali sull’intera area di servizio – spiega l’assessore Alessia Manfredini che l’aveva illustrata nell’ultima seduta di giunta – media tra la necessità di dotare il contesto di un parcheggio, inserito nel riordino complessivo di via Giordano e la necessità di rispettare le essenze vegetali e aumentare le caratteristiche ambientali dell’area prossima al Morbasco”.

Da qui la controdeduzione approvata in commissione: l’area a servizi per la sosta – viene spiegato – nasce dall’esigenza di dotare la città e il Plis di attrezzature utili per la fruizione del parco stesso, rispettando allo stesso tempo le “preesistenze ambientali già in essere”. Pertanto, “fermo restando il perimetro dell’area per servizi operato dalla variante parziale, si ritiene di meglio definire le previsioni funzionali (parcheggio e verde naturalistico comunale) al suo interno, con attenzione allo stato ambientale di fatto”. g.biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • ale

    Buongiorno , se ho capito bene e ditemi se sbaglio , nascerà comunque un parcheggio di 4000 mq , giusto ?
    Se si , propongo 2 considerazioni , la prima è un dato di fatto . la seconda sarà una conseguenza dell’esistenza del nuovo parcheggio.
    Primo : 4000 mq di SUOLO CONSUMATO , a mio parere , seguendo le innumerevoli linee guida, fornite dai vari enti di tutela ambientale europea e non ,per conseguire uno Sviluppo Sostenibile , basterebbe solo questo per “dire” NO a quel parcheggio ; come qualsiasi altro consumo di suolo .
    Secondo : la presenza di un nuovo parcheggio , molto probabilmente spronerà i cittadini a recarsi al parco in macchina ovviamente ! <> ( banale ipotesi di conversazione domestica ) , invece che utilizzare mezzi di trasporto pubblico o meglio ancora la Bicicletta . Più parcheggi per automobili ci saranno nella città più i cittadini saranno spronati ad usare la macchina ! Se non ci fossero parcheggi , o diciamo , questi limitati ai soli cittadini che ne hanno strettissimo bisogno , sicuramente la popolazione non sarebbe spronata ad usare la macchina , perchè ? dove la metto la macchina se non esistono parcheggi ?

    Concludendo , questo tipo di “iniziative”, “progetti” , come dir si voglia è tutt’altro che concorde con i 17 obbiettivi europei per lo Sviluppo Sostenibile .
    è inutile che continuate a menar il can per l’aia.

    • Illuminatus

      “dove la metto la macchina se non esistono parcheggi ?”
      All’Ipercoop, è naturale.

  • Mario Rossi SV

    Ma quei geni dei nostri amministratori hanno detto di no alla strada sud perché si consuma suolo e poi fanno un parcheggio asfaltando 5000 mq?
    Coerenti!
    Dai, che tra poco saranno tutti a casa – 8 mesi, tic, tac, tic, tac…

    • Dott. Landi Roberto

      Lei ha perfettamente ragione. E’ la stessa cosa che ho pensato anch’io, ma non si aspetti spiegazioni da una amministrazione simile…

  • Blizzard

    I due interventi precedenti sono la conferma del vecchio adagio cremonese “cuntentaa en cumòon ghe bon nisoon” (scusate gli errori d’ortografia del dialetto). Facciamo due bei comitati; scusate la mancanza di fantasia, ma io li chiamerei No Parking. Due idee completamente diverse con un solo scopo da raggiungere.