Commenta

Il Regime dell'Arte,
ciclo di conferenze
Si inizia con Guerri

Un ciclo di conferenze fa da corollario alla mostra ‘Il Regime dell’Arte – Premio Cremona 1939-1941’ allestita al Museo Civico Ala Ponzone ed aperta sino al 24 febbraio prossimo. Si tratta di un’iniziativa che è finalizzata ad approfondire i vari aspetti culturali, urbanistici ed anche politici che caratterizzano gli anni nei quali si tenne il Premio Cremona.

Primo appuntamento giovedì 11 ottobre, alle ore 17.00, nella Sala Puerari del Museo Civico (via Ugolani Dati, 4) con Giordano Bruno Guerri e il suo intervento dal titolo Giuseppe Bottai e l’arte “degenerata”. Scrittore, giornalista e storico, noto studioso del XX secolo italiano, in particolare del ventennio fascista e dei rapporti fra italiani e Chiesa cattolica., Giordano Bruno Guerri dall’ottobre del 2008 è presidente (e dal 2014 anche direttore generale) della Fondazione Vittoriale degli Italiani, la casa di Gabriele D’Annunzio a Gardone Riviera, alla quale ha ridato slancio con nuove creazioni museali e l’acquisizione di opere d’arte contemporanea e di importanti documenti.

Della figura di Giuseppe Bottai (Roma, 3 settembre 1895 – Roma, 9 gennaio 1959, governatore di Roma, governatore di Addis Abeba, ministro delle Corporazioni e ministro dell’Educazione Nazionale) Giordano Bruno Guerri se ne è occupato sin dai tempi dell’università laureandosi con una tesi, divenuta poi il suo primo libro. Successivamente ha pubblicato i due volumi del Diario di Bottai e viene considerato il maggiore studioso di questo complesso intellettuale fascista, protagonista della politica e della cultura durante il regime.

In occasione della conferenza di Giordano Bruno Guerri si potrà visitare visitare la mostra Il Regime dell’Arte – Premio Cremona 1939-1941 fino alle ore 19.00, anziché fino alle 17.00. Il secondo appuntamento è in programma giovedì 25 ottobre, sempre alle 17, e sempre in Sala Puerari: Rodolfo Bona, curatore dell’esposizione insieme a Vittorio Sgarbi, interverrà su ‘Ragioni, limiti e difficoltà di una mostra’.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti