12 Commenti

Vandali in azione al nuovo
Park Run: distrutti quasi
tutti i cartelli direzionali

Vandali di nuovo scatenati al parco del Morbasco. Stavolta a finire nel mirino degli ignoti devastatori è stato il nuovissimo Park Run, inaugurato soltanto due giorni fa: dei venti cartelli direzionali posizionati, acquistati dalla neonata associazione ‘Corri in Cremona’, che ha voluto investire in questo progetto, ne sono rimasti in piedi solo quattro, mentre gli altri sedici sono completamente distrutti.

Grandissima la rabbia dei promotori del progetto, un vero e proprio percorso podistico e naturalistico, sponsorizzato da alcune aziende. L’iniziativa era tesa alla valorizzazione del Parco Locale di Interesse Sovracomunale (Plis) del Po e del Morbasco, grazie al bellissimo esempio di cittadinanza attiva rappresentato dall’associazione. Il percorso si sviluppa su un circuito di 2 km, con fondo misto su cui è possibile correre con scarpette da corsa ed è segnata la distanza raggiunta ogni 500 metri. La particolarità di questo Park Run era appunto la particolare cartellonistica, con una facciata podistica e una facciata botanica-faunistica.

Del resto il Parco del Morbasco non è purtroppo nuovo al blitz dei vandali: lo scorso aprile alcuni ignoti avevano dato fuoro a una panchina all’interno del parco, che era rimasta completamente distrutta, senza contare i resti di bivacchi notturni, le scritte sui muri e la sporcizia abbandonata un po’ ovunque.

“E’ incivile e ingiusto quello che è successo al nuovo Park Run di via Trebbia” commenta il sindaco Gianluca Galimberti. “Abbiamo inaugurato il percorso due giorni fa. E’ un colpo basso alla città e a quei cittadini che hanno adottato questo spazio e che hanno lavorato, a fianco del Comune, per rendere il parco più bello per tutti. E’ un colpo basso a quei bambini che erano con noi durante l’inaugurazione e ai quali abbiamo detto che prendersi cura della città è un dovere di tutti, loro e di noi adulti. Siamo già in contatto con l’Associazione “Corri in Cremona” per riparare i cartelli e per dimostrare insieme che nemmeno i vandali vincono sulla gratuità e sulla grandezza dei gesti e delle persone!”.

lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • paolo

    Inaugurato sabato scorso se ben ricordo.. Tempo di “vita”: 4-5 giorni… però !

  • brontolo

    Non ci sono parole…vergognatevi!!ignoranti!!!gli atti vandalici contro il patrimonio dovrebbero essere puniti con la galera in quanto gesti volontari e meschini

    • Mario Rossi SV

      Hai ragione, penso siano tra gli atti più spregevoli, la cosa pubblica dovrebbe essere sacra.

  • devotooli

    Imbecilli.

  • Betty

    Telecamere in ogni angolo e multe salatissime.

    • Illuminatus

      Bravissima. Le soluzioni ci sono.

    • Orto

      Betty, siamo realisti. Non possiamo mettere telecamere ovunque. Le vogliamo in centro, le vogliono le periferie…. Questi stronzi dovrebbero essere colti sul fatto. Il problema è che di imbecilli in giro ce ne son sempre di più

      • Betty

        Hai ragione ma è l’unico modo per beccarli.

  • mirko ansaldi

    Quando la gente non ha valori!!

  • Gianluca

    Anche questo come del resto gli altri (vedi Colonie Padane) andrebbe recintato e quindi reso fruibile dalle..alle…

  • yetiz

    Soluzioni possibili:
    Accesso a pagamento
    Telecamere
    Potenziamento forze dell’ordine
    Riparazione del danno a spese proprie, e se non puoi, a lavorare. Gratis ovviamente

  • ciclo-pe

    Vandali e imbecilli ci sono sempre stati ma, vista la tempestività dell’azione, mi pare un atto deliberato di intimidazione contro il civismo, il senso di responsabilità, l’uso comune della cosa pubblica, la custodia dei valori ecologici-ambientali, l’attività ludico-sportiva come elemento di incontro tra le persone e la natura.