Commenta

HMC, 2.300 partecipanti
Vincono Mwangi tra gli
uomini e Jelagat tra le donne

Mwangi taglia per primo il traguardo (foto Sessa)

La 17° edizione della Maratonina Internazionale di Cremona ha regalato ancora grandi emozioni alla città del Torrazzo ed in particolare agli impeccabili organizzatori del Cremona Runner, il sodalizio presieduto da Michel Solzi che da sempre ha curato con professionalità e competenza la manifestazione nei minimi particolari. Agonisticamente parlando la parte del padrone l’hanno fatta come da pronostico i formidabili atleti kenioti che hanno occupato i primi cinque posti della classifica generale. Successo per Paul Mwangi 1h 03’37” secondo lo scorso anno che ha voluto riscattarsi e mettere il suo sigillo di garanzia. Dietro di lui Charles Kumau (1h 04’ 38)” e Rocer Konga (1h.04’ 20”), tutti e tre tesserati per la Run2together. La svolta della competizione è stata verso l’undicesimo chilometro quando i kenioti hanno cambiato il ritmo alla gara imponendo la loro forza e velocità di passo. I marocchini Bouichou e Bellami che fino a quel punto avevano tenuto testa ai favoriti, hanno desistito. Primo degli italiani Antonino Lollo (Gruppo Atletica Bergamo 1959) in 1h 08’43” buon ottavo, mentre il primo dei cremonesi è stato l’inossidabile Mauro Cattaneo del Marathon Cremona che, col tempo di 1h 14’05, è giunto 22° assoluto.

Tra le donne ha praticamente fatto corsa a sé la keniota Viola Jelagat che ha vinto in 1h 13’58 davanti alle connazionali Lenah Jerotich  (1h 14’23) e Caroline Cherono (1h15:44). Tra le cremonesi, invece, sesta Patrizia Guagliardo del Marathon Cremona (1h 28’06”) e settima Veronica Signorini del Triathlon Stradivari in 1h 29’37.

2.300 complessivamente i partecipanti che con puntualità si sono presentati al via alle 9.30 davanti al Teatro Ponchielli per poi arrivare dopo poco più di 21 km nello splendido scenario di Piazza del Duomo in mezzo a tifosi ed appassionati che non hanno risparmiato gli applausi il ha riscosso anche quest’anno molti apprezzamenti per le qualità e le peculiarità architettoniche, storiche e ambientali del nostro territorio, della città.

Grande successo anche della 3° Staffetta ‘You & Me’ non competitiva a coppie con gli atleti che hanno percorso 10 ed 11 a testa cambiandosi nel ruolo ai giardini pubblici. Il ricavato netto derivante dalle iscrizioni è stato devoluto all’Associazione cremonese Compagnia delle Griglie per il progetto ‘ThisAbility’ che prevede l’inserimento dei giovani disabili in varie iniziative.

Marco Ravara

Fotoservizio Francesco Sessa

Mwangi arriva scortato dalla polizia

Jelegat taglia il traguardo

 

Il presidente Solzi con i componenti del podio maschile

Il passaggio su viale Po

Ai Giardini di piazza Roma

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti