Commenta

Un nuovo marchio per
identificare il nostro agrifood:
coniato 'Bella Cremona'

Il ‘sistema Cremona’ tante volte declamato prende forma concreta nell’agroalimentare con il debutto di un nuovo marchio e di una nuova piattaforma per aiutare le aziende a farsi sempre più conoscere sul mercato internazionale e in questo modo veicolare anche le attrattive turistiche di Cremona. “Bella Cremona – Food and art’ è il nuovo brand che Confartigianato e la Camera di Commercio hanno messo a punto coinvolgendo le imprese Galletti, Alfra Snc di Franco Nicoletti, La Cicogna srl, Fieschi, Forno Manini, Mais Corvino, Rivoltini alimentare dolciaria, salumificio Santini, Tosca Cremona, oltre al Consorzio Salame Igp Cremona e Consorzio Provolone Valpadana Dop, che questa mattina in Camera di Commercio hanno partecipato al lancio ufficiale. Il presidente della Camera di Commercio Giandomenico Auricchio ha ricordato il trend in controtendenza positiva dell’export cremonese che dal 2009 ad oggi è cresciuto dell’82% a fronte del 46% lombardo e del 54%  della media italiana, 4,4 milioni il valore assoluto negli ultimi 12 mesi contro i 3,9 dell’anno precedente: +14,2 la variazione in positivo, il doppio della percentuale regionale.

Merito delle eccellenze dei nostri artigiani ma anche degli aiuti concreti con cui la Camera di Commercio supporta le imprese, come ha ricordato, dandone merito, il presidente di Confartigianato Massimo Rivoltini.

Il marchio Bella Cremona, che verrà coperto da copyright e dato in concessione alle aziende, sarà prima di tutto un segno distintivo della qualità dei prodotti dell’agroalimentare cremonese, dolce e salato, Igp e della tradizione, ma anche un elemento identificativo nelle fiere internazionali. Il debutto è previsto per l’inizio di dicembre all’Artigiano in Fiera di Milano, dove Cremona sarà presente con uno stand modulare di 25 mq in cui ciascuna delle aziende partecipanti avrà uno spazio dedicato. Rilievo sarà dato alle bellezze artistiche e culturali della città di Cremona, il cui Comune, che partecipa con il patrocino all’iniziativa, ha da poco battezzato  un ‘Catalogo delle competenze’ (leggi qui: Export agroalimentare da record, in 7 anni cresciuto del 66%) proprio per valorizzare questo comparto produttivo. sia nel settore primario che soprattutto di trasformazione. L’assessore al Commercio e marketing territoriale Barbara Manfredini ha evidenziato come il progetto Bella Cremona si inserisca nel percorso avviato lo scorso anno con East Lombardy, regione europea della gastronomia, con cui le quattro realtà provinciali di Cremona, Mantova, Bergamo e Brescia hanno sperimentato percorsi culinari nuovi  valorizzando il cibo come fattore di attrattività turistica. Percorsi già coltivati da tempo, come insegna anche la Strada del Gusto.

Una conferma del valore aggiunto della collaborazione tra aziende, questo nuovo marchio che nasce dalla consapevolezza, ha ricordato Rivoltini, che “il nostro territorio debba essere identificato come un unicum; questo è stato East Lombardy all’estero e all’estero dobbiamo presentarci ora come ‘Cremona’”.  La piattaforma  digitale Bella Cremona avrà valenza sia di presentazione che di vendita dei prodotti. g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti