3 Commenti

Piscina, il gestore:
'Rotto un termosifone,
riparato in una notte'

Sport Management, gestore della piscina comunale, tiene a sottolineare che le condizioni di spogliatoi e bagni erano relative “a una situazione di carattere straordinario che si è verificata nella giornata di venerdì 23 novembre 2018 all’interno della zona spogliatoi della struttura a seguito della rottura di un tubo di un calorifero, con successiva fuoriuscita di acqua”. La società sottolinea di essersi “immediatamente attivata contattando la ditta di manutenzione che ha ripristinato prontamente il guasto” e che “successivamente la ditta delle pulizie presente in impianto ha asciugato la fuoriuscita d’acqua e a due ore dall’accaduto la situazione era ripristinata e sotto controllo”. In ogni caso, “per non creare ulteriori disagi si è scelto di non utilizzare, durante l’apertura dell’impianto e per evitarne la chiusura totale, prodotti per la pulizia specifici che sono poi stati impiegati durante la pulizia notturna a impianto chiuso al pubblico. Alle 06.30 di sabato mattina, 24 novembre 2018, l’impianto ha regolarmente aperto senza nessuna non conformità”. Sport Management, tuttavia, “si scusa comunque con i suoi clienti per eventuali disagi arrecati, non inerenti alla nostra volontà”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Monica

    Salve, volevo solo specificare che SPORTMANAGEMENT ha aggiustato il calorifero, pulito gli ambienti ma che il riscaldamento ” classico ” non funziona.
    In alternativa viene soffiata aria calda senza aspirazione in funzione negli spogliatoi e con un minimo di aerazione sul lato vasca, per nn peggiorare la situazione son state lasciate aperte alcune porte.
    Frequento la piscina da 50 anni, non ho mai trovato l’aria irrespirabile come da un anno a questa parte grazie all’attuale gestione.
    E per fortuna vado di mattina dove gli utenti son in numero ridotto ma ho provato durante le gare e mi son stupita che nessuno sugli spalti si sia sentito male.

  • Mario Rossi SV

    Mah…

  • Ersilia

    Beh, poi fosse il problema del termosifone…..
    Cancellano commenti sulla loro pagina fb e non rispondono alle e-mail di reclamo.
    La nuova capo- area (ogni mese ne arriva uno nuovo, domandiamoci anche con che criterio questa “azienda” fa selezione dei suoi manager) è di un’arroganza disarmante…
    per fortuna che c’e qualcuno ancora della vecchia gestione che – con educazione e competenza- fa sì che noi “vecchi” utenti continuiamo a frequentare questo impianto!
    Incredibile quasi dover dire di rimpiangere la gestione Fin …
    E poi… la super “aziendona” che gestisce tutti sti centri in Italia cosa ci regala? Fino a poco tempo fa se si andava alle 6:30 del mattino era impossibile entrare perché la reception era chiusa (non avranno i soldi per pagare la ragazza un’ora in più al mattino… sarà compreso nella fascia notturna e costerà di più?); stamattina, con mia enorme sorpresa, una mia conoscente ha potuto fare il biglietto perché a bordo vasca c’era il bagnino (con una bella cassettina rosa delle Barbie) al quale era possibile pagare l’ingresso (sarà regolare?)!
    E poi, come dice la signora Monica, aria irrespirabile.
    E i tornelli e le tessere e… e….
    Io personalmente aspetto ancora una risposta ad una mail di reclamo.