Un commento

Pd, avviato il comitato
per Zingaretti, ecco le
prime possibili adesioni

Si è riunito ieri nella sede del Pd di via Ippocastani il comitato a sostegno del candidato alla segreteria nazionale Nicola Zingaretti, primo passo concreto, in vista del confronto sulle mozioni che prenderà il via nei circoli dopo il 6 gennaio. Un percorso congressuale che per ora interesserà solo gli iscritti, per arrivare poi alle primarie del 3 marzo a cui invece sono chiamati a partecipare tutti gli elettori. “Questo è uno dei temi, portare alle primarie quanta più gente possibile”, confida il segretario cittadino Luca Burgazzi, che insieme al coordinatore locale pro Zingaretti Santo Canale, entrambi non ancora trentenni, ha tenuto le fila dell’incontro di ieri sera. A parte qualche rara auto  – dichiarazione, i nomi più in vista della politica locale non hanno ancora fatto dichiarazioni ufficiali, anche se tra i simpatizzanti per il governatore del Lazio potrebbero esserci la vicesindaco Maura Ruggeri, i consiglieri comunali Roberto Poli e Lia A Beccara, il responsabile organizzativo del Pd Claudio Rebessi; mentre dalla parte cremasca lo sosterrebbero  il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, l’assessore Jacopo Bassi, l’ex senatore di Sel Franco Bordo.

“Vediamo se riusciremo ad avere Zingraretti qui a Cremona in febbraio – afferma Burgazzi – ma al di là delle diverse posizioni che potranno emergere, il clima è positivo, Zingaretti consente di superare certe divisioni del passato e rappresenta un modello di leadership alternativo a quello della politica urlata che ha già fin troppi rappresentanti. Credo sia importante anche lo stile con cui uno si pone e sicuramente il suo stile è discontinuo rispetto al passato. E’ chiaro che il percorso sarà lungo, per ricostruire ci vorrà del tempo, anche qui a Cremona”. Tra i più accreditati alla carica di segretario, Zingaretti se la dovrà vedere sopratutto con Maurizio Martina, che a livello locale ha l’appoggio del consigliere regionale Matteo Piloni, e probabilmente (anche se non dichiaratamente) del suo successore alla segreteria provinciale Vittore Soldo. Non si esprime il vice segretario provinciale Andrea Virgilio, mentre a sostenere un terzo candidato nazionale, Francesco Boccia, ci sarà Paolo Carletti, già segretario provinciale Psi.

Sembrano invece spariti i renziani, quelli della prima e della seconda ora, dispersi tra Martina e Zingaretti. Tra i sei candidati nazionali alla segreteria (oltre a quelli citati, Roberto Giachetti, Dario Corallo e Maria Saladino) gli iscritti avranno il compito di scremare fino ad arrivare a soli tre nomi, quelli appunto che si affronteranno alle primarie.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti