3 Commenti

Tre morti in A21, non c'è prova
che il camionista fosse stanco
Assolti datore di lavoro e ditta

Foto Sessa

“Il fatto non sussiste”: con questa formula il giudice Giulia Masci ha assolto Federico Bologna, legale rappresentante della Sts srl (Società di trasporti e logistica) di Sarzana, accusato di concorso in omicidio colposo plurimo per la morte di Alfredo Fioravanti, 50enne di Avenza, in provincia di Massa Carrara, il camionista che il 22 luglio del 2015 in A21, a poche centinaia di metri dal casello di Cremona, causò il tamponamento nel quale, oltre a se stesso, rimasero uccise altre due persone: Michela D’Annunzio, 36 anni, maestra di Leno, in provincia di Brescia, e Maria Grazia Tomasini, 42 anni, che viaggiavano come passeggere su una delle auto tamponate. Il giudice ha anche escluso la responsabilità della società Sts, accusata a sua volta di “non aver predisposto modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi”. Per Bologna, il pm onorario Silvia Manfredi aveva chiesto una pena di sei anni: per la procura, l’imputato aveva violato le norme in materia di riposi, pause e durata della guida a tutela dei lavoratori addetti all’autotrasporto di cose o persone. Nel processo, parti civili erano i familiari del camionista, la vedova e i due figli, attraverso l’avvocato Simona Bracchi, e l’Inps tramite il legale Giuseppe Quartararo. La motivazione della sentenza sarà depositata entro 90 giorni.

Secondo la polizia stradale, che all’epoca aveva effettuato i rilievi, Alfredo Fioravanti guidava da tre giorni: il cronotachigrafo del mezzo, manomesso, aveva distorto i dati sulle ore di guida e di fermo obbligatorio dell’autotrasportatore, che quel giorno era piombato addosso ad altri mezzi fermi per un rallentamento a causa di un cantiere. Gli agenti avevano ricostruito per filo e per segno, grazie ai percorsi, alle celle telefoniche, ai transiti autostradali e alle bolle di consegna nelle aziende, i tre giorni del conducente del mezzo di Sarzana prima dell’incidente. Poteva, Fioravanti, essere stato tradito da un colpo di sonno dopo aver guidato senza riposo per tre giorni consecutivi?. Nel processo non si è stati in grado di accertarlo oltre ogni ragionevole dubbio. Secondo la difesa dell’imputato, non è stato dimostrato il nesso di causalità tra l’incidente e il motivo per il quale Fioravanti aveva perso il controllo del mezzo. E’ stato un malore dovuto alla stanchezza per la mancanza di sonno o è stata magari una semplice distrazione del camionista?. Nessuno è stato in grado di dirlo, nemmeno l’autopsia, tra l’altro eseguita tredici giorni dopo l’incidente.

Da parte del datore di lavoro, inoltre, per la difesa, “non c’è stata alcuna schiavizzazione, nè un superlavoro. Le commesse comunicate al lavoratore, così come ricostruito in modo scientifico dal consulente di parte, rientravano negli orari di lavoro previsti dalla legge e il giorno prima dell’incidente Fioravanti aveva lavorato sei ore. Mancano elementi per affermare che il datore di lavoro abbia dato al camionista dei viaggi non compatibili al limite del previsto orario di guida e di riposo”.

Un commento alla sentenza è stato rilasciato anche dal comandante della polizia stradale di Cremona Federica Deleledda che insieme ai suoi uomini si era occupata delle indagini sull’incidente: “Sapevo dall’inizio che sarebbe stata una probatio diabolica cercare di trovare una connessione che reggesse in dibattimento tra la perdita di controllo del mezzo e il mancato rispetto dei tempi di guida da parte del conducente. Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza, e intanto continuiamo a lavorare sul fronte della prevenzione e del controllo per tutelare le aziende che lavorano con correttezza e tutti gli utenti che condividono la strada con i veicoli commerciali. La stanchezza per strada è una realtà con la quale fare i conti. Che l’azienda lavorasse così e che lo facesse anche il lavoratore è un fatto incontrovertibile. Che poi non abbia retto in giudizio è un altro conto. E’ incontrovertibile che abbiamo tre morti per strada ed è incontrovertibile che abbiamo una sentenza di assoluzione”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Mah…

  • Simone

    Mi dispiace per i familiari delle vittime di questo brutto incidente che oltre ad aver perso persone care, si trovano ad ascoltare delle stupidaggini così gravi. Se la polizia ha dato prove che l’autista era stato obbligato a guidare per così tanto tempo non è giusto che vengano assolti i suoi titolari. Ora oltre al danno pure la beffa perché magari negheranno al loro congiunto di prendere un risarcimento che magari permetteva loro di sopravvivere visto la mancanza del reddito principale. E dispiace anche per la Polizia che ancora una volta hanno fatto tanto lavoro che non è servito a niente…

  • Elio

    Vediamo le motivazioni ma il limite delle ore di guida e’ fatto apposta per evitare colpi di sonno e perdita di concentrazione da parte dell’autista poi e’ impossibile che i datori di lavoro non si fossero accorti che il camion andava piu ore del previsto. Se fosse confermato che le ire di riposo non sono state rispettate ma non si possa provare che l’incidente sia dovuto alla stanchezza significa che se guido ubriaco ed uccido una persona bisognerebbe provare che se fossi stato sobrio non l’avrei uccisa per punirni e questo sarebbe abbastanza difficile. Quindi tanto vale togliere le pause di guida obbligate e il divieto di bere alcolici anche da parte degli automibilisti( lo chiamo divieto vista la quantita minima che in automobilista puo’ bere alcolici). Ora mai gran parte dei giudici mi fanno pena e eabbiaal tempo stesso. Spero prima o poi si ponga rimedio a questa totale libertà dei giudici di applicare le leggi in modo sicuramente legale ma ingiusto per la stragrande maggioranza dei cittadini. Aspettiamo di leggere le motivazioni ma per ora penso che questa sentenza sia vergognosa e non so’ che aspettano i bravi giudici che abbiamo ad intervenire cobtro i loro colleghi oramai pazzi incontrollabili