13 Commenti

Colpì gli agenti, condannato
esponente Kavarna. Presidio,
via dei Tribunali blindata

Un anno, otto mesi e 10 giorni di reclusione. Questa la condanna decisa dal giudice al termine del processo con il rito abbreviato nei confronti di Tommaso Fontana, 40 anni, di Merate (Lecco) domiciliato a Cremona, l’esponente del centro sociale Kavarna arrestato dalla polizia il 5 aprile scorso per lesioni, rifiuto di farsi identificare, resistenza a pubblico ufficiale, minacce e danneggiamento aggravato. L’imputato, difeso dall’avvocato Sergio Pezzucchi, per ora resta in carcere. Il giudice si è infatti riservato se accogliere o meno la richiesta della difesa di remissione in libertà o quantomeno di una misura meno afflittiva. La motivazione della sentenza sarà depositata entro 30 giorni. A dare sostegno al compagno, questa mattina si è presentato un gruppo di esponenti del kavarna che ha atteso di conoscere la sentenza nel piazzale della chiesa di Santa Lucia, di fronte a via dei Tribunali, chiusa e presidiata da polizia e carabinieri, compreso l’ingresso della procura in via Jacini. Non ci sono stati disordini, ma non sono mancate offese e gesti volgari all’indirizzo dei giornalisti. Appeso al muro uno striscione con scritto: ‘Contro sbirri e fascisti, più vetri rotti. Ribaltiamo questo mondo…Tommy libero, tutte e tutti liberi’. Di scritte e striscioni contro i poliziotti ne erano comparsi anche la sera dell’arresto di Fontana davanti alla Questura, dove un gruppo di militanti del centro sociale aveva stazionato in segno di solidarietà al compagno arrestato. La presenza di Fontana, che era ubriaco, era stata segnalata in un bar di via Postumia. All’arrivo degli agenti, il 40enne, che alle spalle ha numerosi precedenti penali, prima si era rifiutato di fornire le proprie generalità e di mostrare i documenti, poi aveva iniziato ad inveire contro i poliziotti della Volante, aggredendoli verbalmente e quindi fisicamente. In seguito aveva tentato di scappare e, una volta bloccato, aveva preso a calci la portiera dell’auto su cui lo stavano caricando i poliziotti e aveva sfondato il finestrino. Per calmarlo, gli agenti erano dovuti ricorrere anche all’uso dello spray al peperoncino. Il giorno dopo il giudice aveva convalidato l’arresto e oggi la condanna.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mirko

    Bravi ottimo esempio

  • Susi

    Blindata?bastonate e via

    • Elio

      Bisognerebbe chederlo a Spararo e soci. Visto che non c’è un problema sicurezza lo lasceranno libero e gli diranno di non fare piu il birbantello

    • Elio

      Quando non puniscono stupratori ,ladri,spacciatori e via dicendo questi bravi ragazzi dei centri sociali come mai non manifestano davanti al tribunale? Sindaco,se tiene alla città li sfratti immediatamente

  • Elio

    Speriamo confermi il carcere e poi il sindaco che aspetta a sfrattare questi delinquenti che scrivono striscioni da infami inneggiando lo scontro con le forze dell ordine e devastazione

  • Ottavo Nano

    Misura meno afflittiva ma che c…o vuol dire?

  • Carlob

    Andate a vedere se le scritte non assomigliano a quelle fatte sui giochi dei bambini

  • Susi

    Dove sono i Radicali chic?forse tutti in ferie

  • Illuminatus

    Ottima occasione per una bella retata!

    • Elio

      Se non lo facessero e non li sfrattassero subito andrei a pensare,ovviamente sbagliando,che abbiano amici che li proteggano,ma do’ per scontato che una bella giunta come la nostra li sfrattera’ subito dopo una bella retata e che ci sono,farei unche una visita a quei poveri profughi della caritas che secondo me,qualcosa di poco legale l hanno di sicuro

  • Mario Rossi SV

    Galimberti quando è che li sfrattamo? Forza, si dia da fare a pulire la città, sfrattandoli dalle sedi occupate abusivamente!

    • Lidans

      Chi??
      Ah, quello che, impavido, si era blindato nella sede della Polizia municipale blaterando credibilissime future punizioni ..ahahah
      si sa,passato lo giorno….

  • Graziano Ansaldi

    L Amministrazione Comunale è impegnata con la pulizia della città ,a far spostare in continuazione le auto da un lato all altro delle strade, non ha tempo per altre sciocchezze . Ma del resto al cremonese medio interessa poco , l ‘importante è la partitella di Calcio da poter seguire a fine settimana.