I commenti sono chiusi

Immigrati nelle
sale slot, il centrosinistra
risponde a Zagni

Dopo l’attacco del candidato Alessandro Zagni sul tema del gioco d’azzardo che vede protagonisti gli immigrati, con tanto di video girato davanti a una sala slot, non mancano le reazioni della controparte politica. A partire da Fare Nuova la Città, che come evidenzia una dei membri della lista, Anna Spigaroli, ritiene “davvero molto triste, anzi penoso, sfruttare il problema della ludopatia a fini elettorali“. In particolare, “la ludopatia è una piaga della nostra società che purtroppo può colpire tutti, a prescindere dalle origini e dal colore della pelle, e che richiede molto impegno nella cura e nella prevenzione“.

So di molti cremonesi rovinati da questo vizio  e conosco una persona di origini africane, perfettamente integrata nel nostro paese e con un lavoro stabile e regolare che, a causa di questo vizio, sta rovinando il presente ed il futuro di sé stesso e della propria famiglia” continua la candidata. “Non escludo che possa trattarsi di una delle persone immortalate dal candidato  Zagni che si è preso la briga di piantonare una sala slot in un piovoso pomeriggio Cremonese. Chiedo pertanto che vi sia maggiore rispetto per le persone, tutte, perché non è così che si risolvono i problemi ma con proposte e programmi concreti“.

Infine, Anna Spigaroli segnala “al Sig. Zagni che il partito che lui rappresenta fa parte della maggioranza dell’attuale governo e invece di preoccuparsi per come spendono i soldi gli immigrati, potrebbe chiedere un vero giro di vite sulle sale slot e sulle scommesse online“.

Ad intervenire sul tema è anche Alberto Madoglio, candidato sindaco di Alternativa comunista: “Il cittadino Zagni si domanda quale sia la provenienza del denaro utilizzato da qualche immigrato che sporadicamente frequenta sale slot” attacca. “Si tratta di uno squallido tentativo di sviare l’attenzione dalle responsabilità del governo giallo verde per il perdurare della crisi economica.

Le mirabolanti promesse inserite nel contratto di governo si sono sciolte, in breve tempo come neve al sole. E il peggio deve ancora venire. Dopo il 26 maggio i nodi arriveranno al pettine e altre misure economiche  lacrime e sangue si abbatteranno sui lavoratori. E’ molto probabile, anzi certo che la risposta delle classi popolari non si farà attendere: scioperi, mobilitazioni e lotte irromperanno nella quotidianità della politica borghese.

Dotarsi in anticipo di strumenti repressivi come il nuovo decreto sicurezza non servirà a molto. La tranquillità con cui padroni e i loro rappresentati politici sono abituati a vivere ha i giorni contati“.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Gerolamo Cardano

    Ricordate che alle urne votare sinistra significa questo…difesa a spron battuto ai clandestini…

    • Elio

      Esatto,ok difendere chi se lo merita ma la sinustra difende piu i clandestini che gli altri

    • Marco

      Votare lega invece significa essere razzista e fascista.

  • Elio

    Poi che abbiano cellulari di ultima generazione e che dal tabaccaio quelli della caritas spediscano un sacco di soldi in africa è normalissimo… Ric8rdo che alla sala giochi s in via dante c’è pieno divresidenti alla caritas e sono cosi bisognosi di aiuto e cosi oreoccupati di costruirsi un solido futuro che giocano ad azzardo

  • Piero

    “vero giro di vite sulle sale slot e sulle scommesse online” invece di liberalizzare le sale casinò (fisiche e virtuali) rinunciando a MILIARDI di euro di imposizione fiscale come hanno fatto i passati governi di sinistra. Forse si riferiva a questo.

    “Si tratta di uno squallido tentativo di sviare l’attenzione dalle responsabilità del governo giallo verde per il perdurare della crisi economica” …oltre che la Spectre, Jolly Joker, Dr Destino, Lex Luthor e Boss Hogg.

  • Roberto

    Intervento politico, capisco che la Sinistra ha paura che l intervento di Zagni possa rubar loro qualche voto toccando un tasto dolente per i cittadini, il fatto che questi richiedenti aiuto poi li si vedano a giocare e cazzeggiare o con Smartphone tutto a spese nostre, mentre noi italiani lavoriamo e paghiamo anche per loro… Questa é la realta ed é sotto agli occhi di tutti

    • Marco

      È la realtà che vede un analfabeta funzionale.

      • Roberto

        Non giustifico la malavita italiana e qui l argomento é un altro e tutti gli africani a zonzo non sono mantenuti dai genitori ma dalle nostre tasche. O magari li vincono alle slot!

        • Marco

          Sai che molti degli africani che incontri lavorano e hanno un regolare permesso di soggiorno? Dai, mostrami le prove che quelli filmati da Zagni sono irregolari se ne hai il coraggio.
          E non fare il furbo, che i tuoi commenti come quelli di molti altri sono selettivamente razzisti.

          • Roberto

            Lavori all ufficio immigrazione? Dimostrami il contrario

          • Marco

            Eh no caro qui chi vuole dare dimostrazioni è il caro Zagni. E non si vedono prove di nulla, se non il colore della pelle: è forse una colpa a priori? Spiegacelo. L’unica cosa che non ha bisogno di dimostrazione è la malafede di chi propina queste nefandezze razziste e l’ignoranza di chi abbocca.

          • Roberto

            Si vede il colore della pelle e che sono tutti in giro dalla mattina alla sera, basta come evidenza? O lei ha le fette di salame sugli occhi quando va in giro

          • Marco

            Quindi tu segui e conosci di persona tutte le persone di colore che vivono o transitano a Cremona. Dovresti avere delle prove più convincenti di questa mediocre uscita da razzistello.

          • Roberto

            Se lei va in crociera, deve conoscere ogni singolo passeggero per capire che sono tutti vacanzieri? Con le sue illuminazioni, da domani appena vedo tutta la gente di colore in giro, penseró che stanno andando a lavorare, altrimenti per dire che sono in giro a cazzeggiare devo conoscerli personalmente uno a uno… Ma per piaser!

          • Marco

            Dai, abbiamo bisogno di una conferma veloce: se sei di colore, non lavori. So che ce la puoi fare. Che belle cose si dicono a Cremona, la città crociera.

          • Roberto

            Mi piacerebbe sapere dove lavorano, tu lo sai uomo dalle risposte concrete?

          • Marco

            Ironia della sorte, ti svelo un segreto: tantissimi lavorano in nero, magari sfruttati da qualche italiano perbene. Altri hanno un regolare lavoro. Altri richiedono asilo. Altri sono stati mandati qui e manco sanno dove sono. Altri sono di passaggio, e domani chissà dove saranno. Altri vivono qui da 10 anni. Altri hanno i figli nella stessa scuola dei miei, e non mi risulta che i bambini si pongano problemi per il colore della pelle (pensa te). Insomma, sono tanti, hanno storie diverse e tenere il conto non è facile… Il censimento suona brutto poi, dai… Roba da antisemitismo dell’era fascista.

          • Roberto

            Per fortuna che esisti, ma per caso il libro delle risposte lo hai scritto tu? Sul generalizzare ti posso dare ragione, una piccola parte é integrata ma quelli a zonzo non mi sembrano sfruttati, quelli con lo smartphone oppure quelli che si vedono girare in bici che magari quella stessa bici era la tua

          • Marco

            In base a cosa sarebbe una piccola parte scusa? Come fai a sapere che uno “a zonzo” il giorno prima non era a raccogliere pomodori a 2 euro all’ora? Mi spieghi per quale motivo non hanno diritto a possedere uno smartphone (che si compra per 50 euro, non 5000) per contattare parenti o amici, ottenere informazioni, sapere dove si trovano? Una bici per spostarsi, andare a lavorare o a fare un corso? Lo sapevi che per quelli che sono in centri di accoglienza tante cose sono prestate o regalate, e che tante persone possiedono poco o nulla di loro? Apri il tuo libro delle risposte, ora, anziché fare il bullo.

          • Roberto

            Se queste persone che nella casa del accoglienza trovano chi gli regala smartphone, bici e vestiti, perche dovrebbero andare a lavorare per 2 euro all ora?

          • Marco

            Ah perché lavorare a 2 euro all’ora in nero nei campi è giusto e doveroso? Fai due conti genio, è schiavitù!

          • Roberto

            Ci sono anche italiani che lavorano in condizioni di schiavitù ma non lo dicono perché hanno una dignità, lo fanno e basta. Poi ti ricordo che spesso o o sfruttati da loro connazionali, vedi caso di caporalato con arresti eseguiti 2 mesi fa a Soresina a carico di immigrati che sfruttava altri immigrati, se sei se ha una cameriera in nero (che magari si becca 100euro per 5 ore di serata) viene l ispettorato del lavoro, ti chiude il locale e ti da 6mila euro di multa

          • Marco

            La dignità di essere sfruttati? Lavorare e tacere come si tempi del fascio? Questa è follia. E ovviamente ti interessa solo quando lo sfruttatore è immigrato, quando è lui lo sfruttato può anche morire (come già successo nel silenzio assordante dei media)

          • Roberto

            Conosco molti stranieri che sfruttano loro connazionali, gli uomini del est fanno prostituire le loro donne, magari attirate con la promessa di un lavoro serio, poi una volta qui ricattate e private di documenti e digita, a volte minacciate di uccidere la famiglia nel frattempo é ignara di tutto e convinta che la figlia sia in un mondo migliore

          • Marco

            Certo, questo lo so bene e lo trovo inaccettabile: uno sfruttatore è uno sfruttatore e basta, indipendentemente dalla nazionalità. Lo stesso vale per gli sfruttati, non è vero? Se si, come mai te la prendi solo con gli africani, sfruttatori e sfruttati che siano?

          • Roberto

            Sfruttati lo siamo tutti, le banche non fanno sconti, i complotti politici nemmeno, negli ultimi 20anni ci hanno fatto comprare a tutti la macchi a diesel perché meno inquinante, ora vogliono farci prendere le macchine elettriche fra 30 anni quando non sapranno dove buttare le batterie esauste, chissà cosa inventeranno. Ora ti saluto, buona notte eroe del terzo millennio

          • Marco

            Beh mancano solo le scie chimiche. A proposito di complotti, occhio che in Austria i populisti di destra anti immigrazione sono già stati pizzicati a farsi sponsorizzare dagli amici russi. Magari tra non molto toccherà a quelli nostrani rispondere delle manipolazioni e dell’odio xenofobo riversato nei social media.

  • Marco

    Chissà perché questo sub-umano dotato di smartphone non ha fatto una bella storia facebook “Italiani che dichiarano 0 euro al fisco ma girano col macchinone”. O un’altra bella storia sui 49 milioni di euro spariti, le tangenti, le connivenze con le mafie. No, sempre a prendersela cogli ultimi, sempre a trovare un capro espiatorio. Parlare alla pancia, che il cervello ormai è merce rara e sopravvalutata.

  • Roby

    Fatemi capire: se vince Mal vezzi, gli immigrati (,ovvio irregolari a prescindere,) non giocheranno più alle slot e non avranno soldi da spendere, (perché ovvio, son soldi rubati a prescindere). Se invece vince Galimberti sarà una pacchia per i gestori di sale slot che proseguiranno a spennare gli immigrati? E io che p

  • Pamy

    Mi piacerebbe sapere dove li prendono i soldi per giocare alle slot, visto che sono TUTTI nullafacenti… sarà mica, per caso, che li guadagnino spacciando droga davanti alle scuole?🤔🤔🤔

    • Marco

      Ci sono nullafacenti e nullapensanti, i secondi sono molto pericolosi.

  • Roberto

    Adesso capisco molte cose, mentre i razzisti pensano che le risolte sono a spasso senza lavorare, a spacciare, a delinquere, a stuprare, e tutto a nostre spese, e invece li guadagnano onestamente alle slot!

    • Marco

      Te la prendi con queste persone solo perché sono neri. Di stupri, delinquenza, violenza non te ne frega nulla: se chi commette il malfatto è un italiano, lasci passare. Lo si vede dai tuoi numerosi commenti. Se non è razzismo questo…

      • Roberto

        Non é colpa mia se il 99% di notizie delittuose sono commesse da stranieri e anche questo lo puoi leggere anche tu, o sei solo capace di scrivere e non di leggere?

        • Marco

          Il 99% di quelli che vuoi guardare tu, forse. Stai a vedere che le fette di salame sono dove non te lo aspetti.
          https://www.linkiesta.it/it/article/2019/03/19/immigrazione-reati-stranieri/41467/

          • Roberto

            Dovresti fare un sondaggio, domani li insegui e gli fai il censimento

          • Marco

            Mi spiace, parlano già i numeri del Viminale, dove in teoria dovrebbe lavorare il tuo amico felpa.

          • Roberto

            Posta qui i numeri e li vediamo insieme

          • Marco
          • Roberto

            Mi é bastano leggere la repubblica dove il. Titolo indica la riiduzio e degli sbarchi e in Concomitanza la riduzione dei reati… Sono sempre più convinto che sai scrivere ma non sai leggere

          • Marco

            Ho capito che quelli come te si fermano come sempre al titolo, un po’ troppo facile non credi?
            “Nel 2003 il numero di migranti in Italia era molto più basso (poco meno di un milione e mezzo di persone), mentre i detenuti stranieri erano 17mila. L’arrivo di altri quattro milioni di persone non ha prodotto, come ci viene raccontato, un aumento del tasso di detenzione, che si è anzi ridotto di un terzo, scendendo dall’1,16% allo 0,40%”

            Ah, per cortesia, indirizzami al paragrafo dove si parla del 99% di reati commessi da stranieri. E parlami dei femminicidi in aumento, commessi in larga parte da italiani, così come quelli legati a macro criminalità, rapine a mano armata, crimini finanziari. Ops…

          • Roberto

            Non vorrei insegnarti nulla perché tu sei supremo, ma guarda l immigrazione spiegata da un esperto e non descritta da un giornalista di parte, guarda attentamente questo video:
            https://youtu.be/acklRPZSGgo

          • Marco

            Io porto numeri, tu propaganda spazzatura

          • Roberto

            Questo é un analista di fama internazionale che giustamente ha detto che queste persone sono da aiutare la nel loro paese ed é una cosa stupida portarceli in casa e credere che così possiamo salvarli ma facciamo solo il loro e il nostro male, non essere ottuso guarda il video, può darti una visione concreta del problema e della possibile soluzione

          • Marco

            Sorvolando sulla fuffaglia di un fanfarone di ultradestra, cosa sta facendo, cosa sta proponendo, cosa ha mai fatto, cosa farà il tuo paese per aiutare queste persone a casa loro? Te lo dico io: niente. Basta dare la colpa a presunti burattinai dell’immigrazione per poi prendersela sempre con gli ultimi, come se fosse loro la colpa di tutti i mali del mondo. Te lo dico io invece come funziona: gli immigrati sono funzionali a convogliare la rabbia dei ceti più bassi per identificarsi contro un famigerato nemico comune.

            https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/07/13/migranti-un-nemico-costruito-ad-arte-ma-la-vera-emergenza-la-vivono-loro/4487819/

          • Roberto

            Dai prove di intelligenza, posta dati scientifici di ricercatori non articoli di giornalisti di parte che danno da bere agli stupidi e li fanno diventare alti come alberi da cocco, ecco la nice di cocco é ciò che diventa il cervello umano quando crede troppo ai giornalisti i manipolatori del informazione. Sai chi rimane nei paesi del terzo mondo? Quelli che realmente hanno più bisogno, i bambini, i malati, i più deboli sia fisicamente che economicamente, su un barcone hai mai visto bambini i Biafra? No solo uomini dai 20 ai 40 anni, quelli che la dovrebbero aiutare le perso e più deboli, quelli che dovrebbero erre la vera rivoluzione e invece no, la si Muore e qui buttano via la pasta che gli si offre perché non gli piace, la non hanno l acqua per bere e qui si lamentano se non hanno il wi-fi, sveglia il criceto che hai nella noce di cocco

          • Marco

            L’età media in alcuni paesi dell’africa è 20 anni. Ecco spiegata la sovrabbondanza di ventenni. Sono annegati donne e bambini nel Mediterraneo, abbi almeno rispetto per loro. Il criceto gira…

          • Roberto

            Sono morti per mano loro non per colpa mia, io se vado in Sardegna prendo il traghetto, non vado con lo scafista

          • Marco

            Vai a spiegarlo a chi dopo aver attraversato il Sahara vive in un campo di detenzione in Libia (quello si pagato coi nostri soldi) e se gli va bene ha un passaporto che vale carta straccia. Paragonarli a chi va in vacanza è un po’ meschino, non credi?

          • Roberto

            Non devo spiegare nulla, semplicemente gli consiglierei di restare a casa loro che con quello che pagherebbero, camperebbero da signori o almeno camperebbero

          • Marco

            Le spiegazioni di quelli che la pensano come te sembrano non essere convincenti, la gente continua a scappare da guerre, violenze, mancanza di lavoro e povertà. Perché per tua informazione il continente africano è inondato di armi, molte delle quali prodotte e vendute da aziende italiane (anche qui nessuno muove un dito, ma è per aiutarli a casa loro, ad ammazzarsi meglio). Non mi sembra inoltre che andate a spiegare le stesse cose ai laureati italiani che lasciano il nostro paese. Insomma potete fare di meglio.

          • Roberto

            Bisognerebbe che le forze internazionali agissero unitamente con una azione comune, inviando forze armate che ristabiliscano la democrazia nel loro paese e poi cominciare la costruzione di un paese civile, insomma se non sono civili la, perché do rebbero esserlo qua?

      • sam spada

        Ma per favore… Li leggi i giornali?

  • Rosso

    Visto che i comunisti irromperanno nella vita quotidiana ,meglio allenare i bambini a difendersi

    • Marco

      Ah si guarda c’è da preoccuparsi dei comunisti (altro nemico immaginario), con il ministro dell’interno in che scrive autobiografie sponsorizzate CasaPound. Fossi in te spererei che i tanto odiati cattocomunisti non debbano di nuovo sacrificarsi per salvare il paese.

  • Rosso

    Se rimandate i denti bianchi in Africa sulla nave metteteci anche un po di slot