Commenta

Aggressione al comizio
di Salvini, individuato
il terzo responsabile

Novità in merito alla vicenda dell’aggressione verificatasi in piazza Roma nel corso del comizio di Salvini, lo scorso 3 giugno. Al termine degli ulteriori accertamenti effettuati nei giorni scorsi e della comparazione di tutte le immagini ed i video, anche amatoriali, girati quella sera, la Digos ha individuato il terzo aggressore del ragazzo cremonese di 26 anni che aveva esposto un drappo di tessuto, delle dimensioni di una sciarpa, recante la scritta “Ama il prossimo tuo”.

Il giovane era stato aggredito da tre soggetti che, dopo aver inveito nei suoi confronti e tentato di sfilargli la sciarpa e di allontanarlo dalla piazza, lo avevano strattonato e colpito con un calcio ed alcuni schiaffi al capo. Il terzo identificato è colui che, nelle fasi finali della breve aggressione, era sopraggiunto da dietro colpendolo con una manata tra la nuca ed il collo.

La vittima, contattata subito dopo il fatto dagli uomini della Digos aveva riferito di non aver riportato alcuna lesione e di non aver intenzione di formalizzare alcuna querela. Le indagini erano comunque proseguite, consentendo di individuare due giovani: B. G. (cremonese del 2000) e B. M. A. (cremonese del 1976) quali iniziali responsabili dell’aggressione, che erano stati indagati in stato di libertà per il reato di violenza privata in concorso.

Il terzo uomo, un cremonese di 53 anni (P.B.), è stato quindi anch’egli conseguentemente indagato per il medesimo reato in concorso con i primi due già identificati. L’ipotesi di reato proposta dalla Digos all’autorità giudiziaria, che ne valuterà l’esatta configurazione, nell’assenza di querela per i reati di percosse o lesioni personali dolose, tiene conto del fatto che, con il loro comportamento, gli indagati hanno impedito, così come previsto dall’art. 610 del Codice penale, con violenza o minaccia, al giovane cremonese, di poter manifestare liberamente il proprio pensiero con l’esposizione della sciarpa.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti